Le Marche chiedono medici,
Borrelli: «Da domani primi invii nei territori»

CORONAVIRUS - Lo ha annunciato il capo della Protezione civile durante il bollettino delle 18
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

borrelli

 

Angelo Borrelli annuncia l’invio dei primi nuovi medici per far fronte all’emergenza coronavirus anche nelle Marche.  «Sicuramente la task force dei medici andrà anche nelle altre regioni e nelle Marche c’è già una richiesta di alcune decine di unità di medici – ha detto il capo della Protezione civile durante il bollettino delle 18 -.  Abbiamo fatto una prima selezione e stiamo la stiamo completando. Ieri sera quando abbiamo chiuso la call». Oltre 7mila le candidature ricevute. Le figure più cercate, al momento, sono «internisti, rianimatori, pneumologi, esperti di terapia d’urgenza. Già da domani daremo avvio ai primi medici che saranno inviati sui territori», ha detto Borrelli.

Venerdì il governatore Luca Ceriscioli aveva scritto al premier Giuseppe Conte chiedendo 73 medici e 41 infermieri. Fabbisogno che potrebbe aumentare con la realizzazione di una nuova struttura dedicata alla terapia intensiva ad Ancona per far fronte all’epidemia. Domani Guido Bertolaso, ex capo della Protezione civile, dopo aver accolto l’invito di Ceriscioli atterrerà nel capoluogo marchigiano proprio per aiutare la Regione nella pianificazione dell’emergenza.

Oggi i nuovi casi a livello nazionale sono 3.957 (ieri 4.821) e le vittime 651 (ieri sono state 793).

Ceriscioli ottiene rinforzi: «Nuova struttura di terapia intensiva Bertolaso aiuterà le Marche»

«Serve una task force medica», Ceriscioli scrive al premier

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X