Covid-19, seconda vittima a Recanati:
l’anziana della Rsa non ce l’ha fatta

ADDIO a Bruna Angeloni, 83 anni, residente nel quartiere Le Grazie: era risultata positiva mercoledì. Lascia il marito Mario e i figli Massimo e Mauro
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
ospedale-trasferimenti-e-pronto-soccorso-civitanova-FDM-3-650x488

L’ospedale di Civitanova

 

Non ce l’ha fatta l’ospite della rsa di Recanati, la città leopardiana piange la seconda vittima da Coronavirus. Si tratta di Bruna Angeloni, 83 anni, residente nel quartiere Le Grazie. Il suo decesso segue di appena 24 ore quello di Massimo Giovagnola, l’elettrauto di 70 anni scomparso ieri.  Nei primi giorni di marzo, Angeloni era stata ricoverata all’ospedale di Civitanova per alcuni problemi di salute, poi era stata dimessa e trasferita nella rsa di Recanati per le degenza senza apparenti problemi particolari. Qualche giorno dopo, però, ha iniziato ad accusare i classici sintomi: febbre e difficoltà respiratorie. Così mercoledì sera era stata ricoverata di nuovo a Civitanova, dove il tampone aveva dato esito positivo. Angeloni lascia il marito Mario e i figli Massimo e Mauro. L’addio, in forma riservata come prescritto dalla legge, c’è stato oggi pomeriggio alle 16 al cimitero comunale.  In mattinata sia il personale che i 36  ospiti sono stati tutti sottoposti al tampone, i risultati sono attesi per domani.

Rsa Recanati, 80enne positiva Scatta il tampone per ospiti e operatori

Covid-19, primo morto a Recanati: è un elettrauto di 70 anni



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X