Emissioni delle centrali biogas,
la procura sollecita risposte dall’Arpam

Valori superiori alla norma di Cot (Carbonio organico totale), Giorgio: "Gli organi competenti certifichino l’assenza o meno di pericoli per la salute delle popolazioni in prossimità degli impianti"
- caricamento letture

biogas 3

Carbonio organico totale, è la composizione dell’acronimo Cot, una parola che in questi giorni è all’attenzione della Procura di Macerata. Parliamo degli scarichi degli impianti a biogas in provincia e il procuratore Giovanni Giorgio vuole vederci chiaro, così ha inviato una lettera all’Arpam per avere con urgenza dati che certifichino l’assenza di pericoli per la salute delle popolazioni in prossimità degli stessi impianti. Il sollecito arriva dopo che una precedente lettera, scritta dal procuratore in estate per avere chiarimenti in merito, non ha ancora avuto risposta. A Corridonia la centrale è in attività ridotta per effetto del piano di spegnimento concordato con la Regione e lo scorso luglio le analisi Arpam hanno riscontrato valori superiori ai limiti di legge, lo stesso a Matelica e Loro Piceno mentre a Morrovalle non ci sono rilievi ancora disponibili.  Il dato di Sarrocciano è quello più clamoroso ed ha provocato anche una interrogazione del consigliere regionale di Forza Italia Enzo Marangoni (leggi l’articolo):  Il valore registrato di 1292 mg/Nm3 di COT, è di ben 9 volte superiore ai limiti consentiti dalla legge , cioè 150 mg/Nm3. I comitati dei cittadini hanno riacceso l’attenzione sul problema con dei banchetti informativi nello scorso week end a Corridonia e Trodica (leggi l’articolo): “Nel rimpallo delle competenze tra Regione e Provincia per le autorizzazioni, e le revoche delle stesse in caso di emissioni superiori alla norma, speriamo che l’autorità giudiziaria riesca veramente a fare luce e mettere la parola fine a questa assurda e triste vicenda”.

(g. c.)

 

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X