Ipotesi Bertolaso ministro della Salute,
cambiano gli scenari per il Covid center

SANITA' - Se venisse nominato alla guida del dicastero potrebbe essere il momento per rivalutare opportunità e utilizzo della struttura
- caricamento letture

 

claudio-maria-maffei-e1610705863488-650x435

Claudio Maria Maffei

di Claudio Maria Maffei*

Il toto ministri dà Guido Bertolaso come possibile ministro della Salute. Buona o cattiva che sia questa scelta, essa tocca direttamente la Regione e il Maceratese in particolare. Qui Bertolaso ebbe infatti un ruolo chiave nell’adattamento della Fiera di Civitanova a Covid hospital con diverse decine di posti letto di terapia intensiva e semintensiva organizzati a moduli. Pochi mesi fa, a inizio maggio, l’assessore Filippo Saltamartini dichiarò che «Il Covid center era stato realizzato a ottobre del 2020 perché il ministero con il dl 34 aveva chiesto altri 110 posti di terapia intensiva. E, siccome si registrava un ritardo, si è proceduto, noi e la Lombardia, a realizzare questo ‘santuario nel deserto’. Poi con l’uso abbiamo capito che la sottrazione di anestesisti, pneumologi, specialisti negli ospedali, ha bloccato sostanzialmente la continuità terapeutica di molte prestazioni».

bertolaso-

La visita di Bertolaso al Covid center

In coerenza con questa dichiarazione annunciò che si sarebbe proceduto allo spostamento dei macchinari in altra sede. Per una volta sono completamente d’accordo con le dichiarazioni di Saltamartini, ma forse un po’ di prudenza nelle dichiarazioni e negli spostamenti potrebbe essere valutato. Meglio un ministro amico che ostile.

Qualche considerazione. Il Covid center non si sa se sia stata la migliore soluzione nella gestione della pandemia, ma ha comunque lavorato per diversi mesi e dato la possibilità di comunicare un maggior numero di posti letto di terapia intensiva attivi al Ministero e quindi di abbassare il loro tasso di occupazione, che già alto così senza i letti della Fiera sarebbe stato nelle Marche ancora più alto. Conviene dunque predisporre un documento tecnico di alto profilo (finora mai prodotto o comunque pubblicizzato) che descriva i volumi di attività svolti al Covid center, le risorse assorbite sia in termini di costi che di risorse umane, i risultati ottenuti, le criticità affrontate e i problemi risolti.

ospedale-covid-fiera-visita-bertolaso-civitanova-FDM-18-650x399Insomma, conviene dimostrare che il Covid hospital, realizzato in tempi davvero record, è stato considerato dalla Regione una opportunità che è arrivato il momento di valutare. Quanto al suo futuro questo dipenderà sia dall’andamento della pandemia che dalla disponibilità di posti letto di terapia intensiva e semintensiva negli ospedali “veri”, che nel frattempo dovrebbero essere molto aumentati. Verosimilmente “il guscio” almeno per un po’ rimarrà (anche se comporterà costi di manutenzione), mentre le tecnologie potranno essere utilizzate altrove.

Che Bertolaso diventi Ministro o meno questa valutazione tecnica è comunque la cosa giusta da fare e se è stata fatta è il momento buono per renderla pubblica.

*medico, dirigente sanitario in pensione

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X