Riconversione dei reparti dell’ospedale,
Morgoni: «Giù le mani da Civitanova»

SANITA' - Il deputato del Pd critica la scelta della Regione: «Con il trend in crescita la struttura sarà out per i non contagiati, devono riaprire il Covid hospital»
- caricamento letture
Carancini_PD_FF-8-325x217

Il deputato Mario Morgoni

 

di Laura Boccanera

«Giù le mani dall’ospedale di Civitanova e coerenza dal centrodestra fra propaganda e azione di governo».

A chiederla è il deputato del Pd Mario Morgoni che critica la progressiva riduzione dei posti letti per malati ordinari per far posto ai pazienti Covid lasciando chiuso il Covid Hospital.

Morgoni sottolinea le incongruenze politiche della giunta di centrodestra e chiede di riaprire la struttura intensiva per pazienti contagiati convogliando però personale da tutta la Regione: «L’ospedale di Civitanova ha una funzione che va oltre i confini del Comune e copre le esigenze di un territorio ampio. Il centrodestra locale ha utilizzato questo tema, la salvezza dell’ospedale cittadino in maniera strumentale in campagna elettorale contro Ceriscioli ergendosi a paladino dell’ospedale, ma ad un anno e mezzo di governo della giunta Acquaroli, al di là di annunci roboanti non c’è nulla».

reparti-covid-hospital-civitanova-FDM-5-650x434

L’interno del Covid hospital

E’ di ieri inoltre la presa di posizione di 9 consiglieri comunali di Civitanova contro l’assessore alla sanità Filippo Saltamartini che imputano al politico della Lega le stesse accuse che rivolge oggi anche il parlamentare del Partito democratico. E anche su di loro Morgoni è critico: «Fanno il gioco delle parti, maggioranza e opposizione al tempo stesso – e poi tornando alle scelte regionali prosegue – dove sono i fondi e i lavori per i famosi due piani dell’ospedale? Ma non solo non c’è stato il rilancio l’inerzia politica regionale si mostra nelle decisioni attuali. L’ospedale sta per essere risucchiato e da qui ad alcuni giorni col trend in crescita dei contagi l’ospedale sarà out per i pazienti non Covid causando un danno enorme dal quale sarà difficile riprendersi. La Regione rispetti il piano pandemico o lo modifichi». Inoltre il parlamentare democrat interviene anche sulla chiusura del Covid hospital ritenendola una scelta sbagliata: «dovranno riaprirlo se non vogliono cancellare la sanità civitanovese. Capisco che Fratelli d’Italia fece una manifestazione con tanto di bandiere contro il Covid hospital, ma ora si impongono altre scelte. Si concentrino i pazienti nella struttura del Covid H e si porti anche il personale da tutta la Regione, altrimenti è la solita beffa. L’ospedale di Civitanova è già ostaggio del Covid ed è vergognoso. Serve coerenza fra la propaganda e l’azione di governo».

 

Riconversione dei reparti e chiusura Covid hospital Nove del centrodestra contro Saltamartini

Civitanova, convertita Rianimazione «Sette posti Covid di terapia intensiva ma solo quattro attivi, mancano infermieri»

Covid, riconvertita Medicina d’urgenza Appello di Ciarapica: «Fate la terza dose, rischio collasso per gli ospedali»

Coperta corta nei Pronto soccorso: lista di medici da altri reparti in caso manchi personale

Se lo fanno sfuggire al pronto soccorso, muore pochi giorni dopo a Villa Pini: «Nessuno ci ha detto cosa è successo»

«Centro vaccinale ritenuto inadeguato anche dall’assessore Saltamartini» Silenzi attacca il sindaco

«Un milione di euro per i centri vaccinali» Sarà potenziato quello di Civitanova

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni = 1