La Giunta si spacca su Puliti
No al rinnovo dell’incarico
Il mega-dirigente va in pensione

MACERATA - Il primo cittadino Sandro Parcaroli è rimasto isolato, con gli assessori Cassetta e Sacchi, nella posizione favorevole al rinnovo per il terzo e ultimo anno dell'incarico al funzionario
- caricamento letture
Scuola_ExCasermette_IncontroGenitori_FF-15-325x216

Gianluca Puliti

di Luca Patrassi

Il mega dirigente comunale Gianluca Puliti è ai titoli di coda. L’amministrazione comunale, guidata dal primo cittadino Sandro Parcaroli, ha discusso la questione legata alla proroga dell’incarico al responsabile del settore Welfare, Servizi Sociali, Sport e Scuola ed ha concluso per il no che sancisce dunque il pensionamento. Una notizia che si è diffusa in un attimo negli ambienti del Palazzo municipale accendendo discussioni anche di segno opposto.

Puliti poteva rimanere in servizio fino alla fine del 2023 con un incarico da dirigente, con l’autorizzazione della giunta, pur avendo già maturato i requisiti per la pensione. Due anni fa, all’atto dell’insediamento, il sindaco Sandro Parcaroli aveva confermato gli incarichi a tutti i dirigenti comunali e tra questi Gianluca Puliti che aveva conosciuto una progressione importante ai tempi dell’esecutivo a guida Carancini. Ora, dopo due anni di proroghe, a ridosso delle elezioni e delle incombenze legate al Pnrr, il colpo di scena del mancato rinnovo per il terzo ed ultimo anno, con Puliti che dunque sarà un ex dirigente dal prossimo 31 dicembre.

Commenti vari in Comune e posizioni articolate anche in giunta. Puliti ha sempre avuto dalla sua parte il sindaco Sandro Parcaroli e gli assessori Katiuscia Cassetta e Riccardo Sacchi ma, evidentemente, il resto della giunta ha detto stop. Inutili si sono rivelati i rilievi di chi ha fatto presente che si lasciava scoperto un settore vasto in un momento complicato per la burocrazia comunale che ora resta con tre dirigenti (Luchetti, Ciattaglia e Doria). Per capirsi, in tempi di autonomia amministrativa, e dunque di competenze in carico agli assessori, il Comune si trova con solo tre dirigenti ma con  nove assessori. Quindi, Puliti si è messo in ferie mentre in Comune si narra che qualcuno si stia organizzando, magari sostenendo la posizione di una ex funzionaria, ora approdata in un altro Ente. Le manovre per il futuro sono ancora tutte da decifrare visto che appunto la giunta ha preso una decisione improvvisa senza aver preparato un piano per la sostituzione, cosa confermata dal fatto che il sindaco avrebbe voluto la conferma di Puliti fino al limite consentito, dicembre del 2023.

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X