Il caso Leombruni solo un pretesto,
Fdi pronta alla verifica:
diversi assessori nel mirino

ACQUE AGITATE A MACERATA - I meloniani stanno pensando di chiedere il rimpasto. La Lega è alla finestra. Domani pomeriggio il Consiglio comunale, all'ordine del giorno non ci sono argomenti eclatanti ma comunque potrebbe essere l'occasione giusta per verificare la situazione della maggioranza
- caricamento letture
GiuntaParcaroli_FF-1-650x434

La giunta Parcaroli

di Luca Patrassi

Tanto rumore per nulla? Può essere mai che il quasi innocuo passaggio di una consigliera da una lista civica al gruppo di un partito sempre di maggioranza desti tanta tensione nel centrodestra? Le dimissioni della consigliera comunale Romina Leombruni dal gruppo del sindaco Parcaroli e l’ingresso in quello di Fratelli d’Italia è al centro di commenti critici, alcuni anche polemici all’indirizzo della stessa Leombruni e del capogruppo Pierfrancesco Castiglioni, reo di aver detto che un partito è politicamente più strutturato di una lista civica. Mal gliene incolse, a Castiglioni, tacciato anche di essere rappresentante della vecchia politica, proprio lui che, in tutto questo turbinio di cambi di casacca a giorni alterni, è da sempre legato allo stesso partito.

Leombruni

La consigliera Romina Leombruni passata dalla civica di Parcaroli a Fratelli d’Italia

C’è il dubbio, forse fondato, che si sia colta al volo l’occasione del passaggio di gruppo della Leombruni per cercare di mettere a tacere sul nascere le voci di malessere che da alcuni mesi si alzano dai banchi di Fratelli d’Italia all’indirizzo dell’amministrazione comunale. Fratelli d’Italia, e il suo capogruppo Pierfrancesco Castiglioni, contesta il fatto che il Consiglio comunale, e la maggioranza di centrodestra, si trovi a votare questioni di cui era sconosciuta l’esistenza. Inutili anche le richieste di discutere in maggioranza le proposte elaborate dai vari assessorati. Il sindaco Sandro Parcaroli, finora, ha fatto sapere in giro di non essere disponibile a cambiare la squadra di governo, vuole andare avanti fino al termine della legislatura con la squadra messa in campo poco dopo  le elezioni.

Fratelli d’Italia però non ci sta per una serie di motivi: il principale, indicibile, è che oggi il partito della Meloni viaggia su percentuali doppie rispetto a quelle raccolte nel 2020 in città (frenata, o aiutata, anche dalla lista Parcaroli) mentre l’altro è legato allo scarso gradimento di alcuni assessori. Se Fratelli d’Italia non nasconde la volontà di una verifica politica con possibile rimpasto, la Lega per ora è alla finestra ma sarebbe ben felice di approfittare della mossa dei meloniani per ridefinire gli assetti interni. Gli unici a non muoversi sono quelli di Forza Italia.

Fratelli d’Italia non sembra gradire moltissimo l’operato degli assessori al Bilancio (Piccioni) alla Cultura (Cassetta) e allo Sport (Sacchi) mentre nella Lega sotto tiro c’è – per limitarsi al caso più eclatante – l’assessore all’Urbanistica Silvano Iommi. Come dire, mezza giunta, motivo per il quale il sindaco Parcaroli per ora tira diritto. A proposito del clima bollente che si respira in maggioranza, occorre rilevare come qualcuno stia facendo circolare la voce che lo stesso sindaco voglia candidarsi alle prossime elezioni politiche. Diceria che però è destinata a rimanere in piedi per pochi altri giorni visto che la legge dice che i sindaci dei Comuni con una popolazione superiore ai ventimila abitanti devono dimettersi entro giovedì per candidarsi alla prossime elezioni politiche. Domani è in calendario una seduta di Consiglio comunale, in apparenza innocua, ma sarà l’occasione per verificare la situazione interna alla maggioranza.

Volano gli stracci in maggioranza, la civica di Parcaroli contro FdI: «Leombruni e Castiglioni vecchia politica»

«La mia civica è differente» Miliozzi attacca Leombruni e Castiglioni

Leombruni lascia la lista di Parcaroli e passa a Fratelli d’Italia: «Nelle civiche manca la struttura»

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X