No al festival di centrodestra:
«Dedicato alla dottrina di alcuni
ma pagato dal Comune, fermiamolo»

MACERATA - Insorge il centrosinistra alla notizia di un festival liberale a spese dell'ente locale. Lanzavecchia (Pd): «Un’amministrazione pubblica dovrebbe rappresentare tutti i cittadini». Cicarè (Strada comune): «Il Comune non è che dà un patrocinio, lo organizza proprio». Sonia De Gaetano: «E' come se amministrazioni di sinistra finanziassero le feste dell’Unità pescando dalle casse comunali»
- caricamento letture
lanzavecchia

Il post di Massimo Lanzavecchia

 

di Luca Patrassi

«Presente liberale», il tempo per l’assessore comunale Riccardo Sacchi di presentare il festival che il Comune ha in mente di organizzare e nel centrosinistra parte l’attacco. L’accusa è quella di voler far pagare a tutti i cittadini una iniziativa di parte. Critiche anche a tinte forti, «Presente liberale, futuro fascista» è stato uno dei commenti apparsi sui social.

Il capogruppo comunale di Strada Comune Alberto Cicarè è particolarmente caustico ed attacca Riccardo Sacchi: «Questo assessore, quando gli proposi che il Comune patrocinasse a titolo gratuito un evento sportivo dell’associazione di cui sono presidente, mi rispose che era meravigliato per la mia mancanza di sensibilità istituzionale, visto che sono un consigliere comunale. Un grande conflitto di interessi, evidentemente.

Cicare_FF-6-650x434

Alberto Cicarè

Patrocinio gratuito, ripeto. Ora il comune di Macerata non è che dà il patrocinio a un evento politico del centro destra, lo organizza in proprio. Io comando, io c’ho i soldi, quindi mi autocelebro sotto le mentite spoglie di un festival. Che paghiamo noi tutti. Questa non è mancanza di sensibilità istituzionale, ci sono termini che in dialetto rendono molto meglio l’idea, ma faccia di bronzo ci si avvicina».

Duro anche l’intervento dell’esponente dem Massimo Lanzavecchia. «Se il progetto è quello annunciato, va assolutamente fermato. Dunque, l’amministrazione vuol bruciare il primo record, quello di un festival dedicato a una dottrina politico-ideologica che appartiene ad alcuni, a spese delle casse comunali che sono di tutti. Come può essere inteso diversamente l’annunciato festival “Presente Liberale”? Da quando sono nate, le moderne dottrine politiche sono state non solo molteplici, ma anche molto articolate al loro interno, in competizione e in aspre contese tra loro, tanto che non c’è un solo liberalismo, un solo anarchismo, un solo socialismo, un solo nazionalismo e così via.

E un’amministrazione pubblica, che dovrebbe rappresentare tutti i cittadini, che fa? Ne sceglie una snobbando tutte le altre, forse pensando ancora che una tra tutte abbia vinto sulle altre e che siamo perciò alla “fine della storia”? Purtroppo per loro dalla caduta del Muro di Berlino sono passati più di trent’anni e si è ben visto sulle spalle di tutti che così non è stato. Non basta, perché il festival liberale sarebbe organizzato con una delle tante case editrici operanti a Macerata (e le altre?).

sonia-de-gaetano

Sonia De Gaetano

La Liberilibri Editrice è certamente impresa di grande levatura culturale e assolutamente benemerita, che ha scelto di diffondere il pensiero di uno dei filoni del liberalismo, quello più estremo. Un filone che in genere abbraccia in politica un libertarismo di destra e in economia il liberismo, che contrastano l’intervento dello Stato sociale a favore di una libertà assoluta di individui, imprese, iniziativa e proprietà privata.

Ovviamente, liberissimo – anzi liberalissimo – ognuno di pensarla come vuole, ma una pubblica amministrazione non può diventare il megafono di un’ideologia di parte, tanto più con i soldi di tutti i cittadini». Infine la dem Sonia De Gaetano: «Per dirla in un linguaggio più semplice e comprensibile a tutti: è come se in passato amministrazioni di sinistra avessero finanziato le feste dell’Unità pescando dalle casse comunali.In barba alla democrazia, alla libertà di pensiero e al fatto che gli amministratori una volta eletti sono gli amministratori di tutti».

A Macerata debutta “Presente liberale”, il primo festival del centrodestra



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X