Silvia Squadroni all’attacco
dopo il voto sul porto:
«Cerchiobottisti, occasione persa per Fdi»

CIVITANOVA - L'ex presidente dei Teatri torna a dire che si candiderà alle prossime elezioni e critica la maggioranza che ieri in consiglio non ha approvato la mozione per dire no al progetto Eurobuilding
- caricamento letture

 

silvia-squadroni-civitanova-FDM-1-325x217

Silvia Squadroni

 

Mancata approvazione della mozione per il no ad Eurobuilding, critica Silvia Squadroni: «a Fratelli D’Italia è mancato il coraggio». L’ex presidente dei Teatri di Civitanova (TdC) e quasi certa candidata sindaco per le prossime elezioni interviene dopo il voto di ieri sera col quale la maggioranza ha rigettato la mozione presentata dall’opposizione che chiedeva di respingere il progetto Eurobuilding e dire in maniera chiara che quell’ipotesi di sviluppo della città non è condivisa dalla politica e che ha votato invece all’unanimità la presa d’atto dello studio Unicam che sottolinea governance pubblica, impegna il comune a realizzare il piano particolareggiato e salvaguardare le concessioni demaniali esistenti. Ma per la Squadroni quel mancato no ha un valore politico: «i consiglieri comunali della destra hanno utilizzato il cerchiobottismo tipico di chi sa che potrebbe far saltare il banco ma preferisce continuare a credere che gli asini volano, non votando la mozione, mentre gli amici Marzetti e Croia hanno preferito chinare la testa dinanzi all’ordine del sindaco. Di questa vicenda si ricorderanno senz’altro gli elettori a maggio 2022 quando dovranno scegliere il sindaco di Civitanova. Io sarò della partita indipendentemente da quale partito costituzionale appoggerà la mia proposta di governo ed il mio programma poiché trovo semplicemente scandaloso che chi avrebbe ogni motivo per chiudere anticipatamente questa esperienza amministrativa continui a puntellare una giunta dando ai civitanovesi l’impressione che esista un qualche inciucio con chi la governa tale da non poter agire con trasparenza». Squadroni dice poi la sua sul progetto: «è sbagliato perché non nasce da un confronto trasparente e da una approfondita discussione. E’ il progetto di Fabrizio Ciarapica e della sua Giunta conosciuto fin dal 2017, coltivato da quattro anni e tirato fuori dal cilindro nell’ultimo semestre utile a deliberarlo e deciderlo. E ora dichiara che non ne sapeva niente e giura che il pubblico prevarrà sul privato. Ed è una doppia figuraccia visto che sposa un progetto voluto da Corvatta. I consiglieri comunali di Fratelli d’Italia non solo hanno perso un’occasione unica ma hanno dimostrato all’esterno di puntellare l’amministrazione nonostante gli schiaffi morali a Michela Gattafoni dei TdC e a Massimo Belvederesi in Atac. C’è qualcosa che non va in questo apparente vivere da fratelli-coltelli, un’ operazione di non belligeranza per un fine che nessuno comprende più».

 

Ok del consiglio al progetto Unicam, la maggioranza non dice no a Eurobuilding

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni =