Maxi progetto del porto,
il Madiere: «Cambia l’anima della città
ma non coinvolge i protagonisti»

CIVITANOVA - L'associazione chiede un incontro urgente e un tavolo di confronto con Comune e Regione sull'idea di edificazione portuale proposta da Eurobuilding
- caricamento letture
gianni-santori

Il presidente de Il Madiere Gianni Santori

Il Madiere di Civitanova richiede un incontro urgente e un tavolo di confronto con Comune e Regione. Il ritorno del progetto di edificazione portuale, sogno della Eurobuilding di Umberto Antonelli, ha generato un maremoto in porto.

In allarme ovviamente tutte le categorie, dal settore ittico al diporto. La domanda che ieri si rincorreva dopo la nota emessa dal gruppo di consulenza e comunicazione aziendale Barabino & Partners a Civitanova è stata: “ma presentato a chi e come?”. Che la volontà di Eurobuilding fosse quella di edificare nell’area portuale con la realizzazione di una marina, hotel e palazzi era ovviamente noto e di dominio pubblico, ma cosa si intervenuto in questi mesi, quali passaggi formali, quali discussioni pare una nebulosa. E in effetti sulla carta il mastodontico progetto da 150milioni non c’è. Il sindaco dice di non saperne nulla, anche la Capitaneria di porto da quanto si apprende è all’oscuro dell’operazione (il porto di Civitanova è oltretutto classificato come porto peschereccio rifugio e per attuare il piano occorrerebbe modificare questo presupposto) e anche la Regione, interpellata dal Madiere, l’associazione del diporto, pare non avere elementi concreti. E per questo proprio Il Madiere torna a richiedere chiarezza: «Dopo alcuni mesi di silenzio rispunta il progetto della società Eurobuilding che propone la trasformazione del nostro porto in una grande darsena privata per grandi yacht, una pesante edificazione nella parte immediatamente a ridosso della darsena e lo spostamento a nord di tutta la cantieristica. Un progetto che cambia in profondità quella che fino ad oggi ha rappresentato l’anima della nostra città ed in definitiva ha contribuito al successo dell’immagine di Civitanova.

antonelli

L’imprenditore Umberto Antonelli

Come la volta precedente la presentazione del progetto non ha minimamente coinvolto i diretti interessati, il diporto civitanovese, la pesca e la cantieristica – scrivono i soci – dalle notizie raccolte anche il Comune e la Regione Marche dichiarano di non aver ricevuto nulla di ufficiale anche se è difficile credere che un progetto di tale portata possa essere arrivato all’ultimo atto, il deposito degli elaborati, senza che le istituzioni interessate siano state dettagliatamente informate. All’uscita della notizia “Il Madiere” si è immediatamente attivato per richiedere al Comune e alla Regione un incontro urgente per l’apertura di un tavolo di confronto che esca dalla fumosità degli annunci e finalmente coinvolga i soggetti che nel porto ci vivono e ci lavorano».

 

Il progetto Dubai c’è ancora Rispunta a sorpresa la “Superyacht Marina”

 

Articoli correlati

 






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X