Nuovo porto, summit dei commercianti:
«Sarebbe un sogno,
speriamo non resti sulla carta»

CIVITANOVA - Si è riunito oggi il direttivo dell'associazione Centriamo, la presidente Debora Pennesi: «L'importante è che questo progetto non faccia la fine della rotonda all'uscita della superstrada e del sottopasso». Manola Gironacci: «Guardare il futuro e progettarlo non può che essere un bene»
- caricamento letture
rendering-porto-civitanova-come-dubai-4-e1613647244647-650x455

Il rendering del maxi progetto di riqualificazione del porto

 

Maxi progetto per il porto, summit dei commercianti di Civitanova. Oggi i negozianti dell’associazione Centriamo, che conta oltre un centinaio di iscritti, si sono incontrati per discutere della riqualificazione dell’area portuale, così come è stata presentata dall’imprenditore Umberto Antonelli e dal progettista Paolo Viola.

debora-pennesi

Debora Pennesi presidente Centriamo, Anna boutique

L’ingegnere e docente universitario milanese in un’intervista a Cronache Maceratesi (leggi l’articolo), ha già specificato che il progetto era in fieri da un paio d’anni. Solo che con la diffusione del rendering qualche giorno fa, la questione è come se fosse “esplosa” tra addetti ai lavori, operatori balneari, concessionari di spiaggia. E oggi, dunque, sono stati i  commercianti a fare i “conti” con il progetto. «Si è riunito il direttivo – spiega la presidente di Centriamo Debora Pennesiavere un bel porto turistico a Civitanova è sempre stato un sogno e sarebbe bellissimo se si realizzasse. E non servirebbe neanche trasformarsi in Dubai, a noi basterebbe appunto un bel porto turistico. E poi in questo momento serve quanto mai parlare di turismo. Il punto è: verrà realizzato? E quando? O anche questo progetto farà la fine della rotonda all’uscita della superstrada e del sottopasso?  Perché a noi nessuno ha detto niente, l’abbiamo scoperto dai giornali. In questo momento così delicato c’è tanta paura tra i colleghi: “Torneremo arancioni, a Pasqua dovremo restare chiusi?”. Queste alcune delle domande ricorrenti.  Sono mesi difficili, ho visto tanti colleghi piangere e dover chiudere. Ma io cerco di mantenere una buona dose di ottimismo, dico solo: speriamo».

gironacci

Manola Gironacci

Ottimista e soprattutto entusiasta Manola Gironacci, volto storico della ‘Ibis Gioielli’ e già presidente dell’associazione commercianti. «Magari fosse – dice – già il fatto che se ne parla è una bella cosa, speriamo che vada in porto questo porto. L’immobilismo che c’è stato fino ad oggi è la cosa più brutta, guardare al futuro e progettarlo invece non può che essere un bene. Non c’è nulla che non mi convince in questo progetto, si parla di crescita della città e per adesso questo basta a dire “magari fosse”, poi i particolari li vedremo quando si concretizzerà. Chi ama Civitanova, chi ci lavora e ci investe non vuole altro che la città cresca. Probabilmente se fosse stato pensato 20 anni questo progetto, oggi lo sarebbe già realizzato».

(redazione CM)

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X