Alberghi e locali sul porto,
Civitanova modello Dubai
Progetto da centinaia di milioni

ECCO il rendering del progetto firmato dall'azienda di Umberto Antonelli. Il sindaco Fabrizio Ciarapica: «E' un'idea che proietta la città nel futuro, prolungandola verso il mare. Oggi con il Recovery plan si presentano condizioni favorevoli. Chiedo di valutare questa opportunità senza pregiudizi». Tra i contrari l'assessore Caldaroni
- caricamento letture

 

rendering-porto-civitanova-come-dubai-1-650x488

I render del progetto della cordata guidata da Eurobuilding di Umberto Antonelli

 

di Laura Boccanera

Civitanova come Dubai, con uno skyline di edifici avveniristici, alberghi che si affacciano sul mare e tanto verde. Questa l’immagine che suggerisce il rendering di un’idea progettuale firmata Eurobuilding, azienda dell’ex patron della Civitanovese calcio Umberto Antonelli e circolata qualche anno fa prima delle elezioni negli ambienti politici.rendering-porto-civitanova-come-dubai-4-e1613647244647-325x228 Il progetto, ambiziosissimo e del valore di centinaia di milioni di euro, ha ripreso quota in questi mesi anche per la prospettiva di fondi dall’Europa con una sinergia fra pubblico e privato. Ma le ipotesi circolanti hanno messo in allarme gli operatori portuali che hanno diffuso le immagini dei rendering parlando di una “speculazione edilizia ai danni del porto”.

Sulla questione la pensa diversamente il sindaco Fabrizio Ciarapica che chiede alla città di valutare «l’opportunità che ci si presenta oggi senza pregiudizi» e prova a fare chiarezza dopo una serie di incontri con Umberto Antonelli che è a capo di una cordata di imprenditori di cui al momento non vengono rivelati i nomi: «tre anni fa è partito un confronto con dei soggetti che hanno proposto un’iniziativa- dice il sindaco – oggi con il ragionamento sulle risorse in arrivo grazie al Recovery plan si sono ripresentate le condizioni più favorevoli per poter avere anche un accoglimento da parte di istituzioni come il Ministero dello sviluppo economico». Ma cosa prevede il progetto? «In questa fase parlerei più che di opera di idea progettuale – prosegue il primo cittadino – ovviamente da condividere con gli attori del porto. In teoria è la prosecuzione della città verso il mare: oggi quando si arriva dal centro i capannoni bloccano l’accesso e invece pur mantenendo le attività che ci sono e i diritti acquisiti da tutti, dalla pesca, dal diporto, dalla cantieristica, la prospettiva è realizzare un’ area che prolunghi la città verso il mare. E’ una riqualificazione per potenziare la cantieristica e cogliere le potenzialità nel comparto turistico».

yacht-civitanova-ciarapica-e1600443605804-325x252

Ciarapica nell’ area portuale questa estate in visita all’Alalya

Quindi non spariranno i cantieri e le altre attività? «si prevede una zona cantieristica, il mercato ittico rimane dov’è, sono previsti alberghi ma essendo demanio non c’è possibilità di speculazione edilizia e tutte le opere rimangono al demanio. I locali qualora venissero realizzati tornano nelle disponibilità del demanio. I render sono immagini di massima e il progetto verrà affinato. Se somiglia a Dubai l’idea mi rende entusiasta, mi piace che trasmetta l’idea di una città moderna, che cresce, dove crescono posti di lavoro, servizi e dove si intercetta il flusso di grosse imbarcazioni che oggi non hanno possibilità di attraccare. Questo progetto mira a far crescere la città e creare opportunità nuove». Ma si vedono anche palazzi di 10 piani? «Al momento non mi focalizzerei sull’altezza dei palazzi, è un’idea di massima, in questi giorni si stanno facendo incontri propedeutici all’interno del porto proprio per arrivare alla presentazione nel miglior modo possibile». E’ allo studio una variante? «è tutto da verificare, ma tengo a ribadire che è un’idea che proietta Civitanova nel futuro. Civitanova è sempre stata una città moderna e innovativa non può tornare indietro. C’è questo progetto, ci interessa valutarlo, ci interessa che sia capito, percepito e poi insieme, da tutti gli operatori condiviso. Se non si coglie oggi questa opportunità la coglieranno altri. Abbiamo il dovere di approfondire e di non bocciare a prescindere per questioni di piccolo cabotaggio». Ma l’ipotesi di una riqualificazione così massiccia e impattante sulla conformazione del porto ha mandato in allarme gli operatori, dalla pesca a quelli del diporto. Si dice contrario anche l’assessore di Fratelli d’Italia Francesco Caldaroni che è anche pescatore: «è fantascienza, sono contrarissimo».

rendering-porto-civitanova-come-dubai-2-e1613647409325-650x488

rendering-porto-civitanova-come-dubai-3-e1613647427912-650x488



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X