Maceratese, Crocioni presenta
mister Marinelli e il ds Proculo
«Squadra rivoluzionata per vincere»

CALCIO - Il presidente: «L'obiettivo sono i tre punti ogni domenica, Promozione o Eccellenza che sia. In queste settimane ci sono stati contatti, promossi anche dal Comune, con persone interessate e non ho problemi a fare i nomi di Gagliardini e Micozzi. Tante parole, ma poi al momento di concretizzare e mettere sul tavolo il denaro per entrare nel club, quello che si era promesso prima si è di molto ridotto. E questo non mi piace»
- caricamento letture

 

crocioni-marinelli-proculo-1-650x339

L’allenatore Daniele Marinelli, il direttore sportivo Jonathan Proculo e il presidente Alberto Crocioni

 

di Mauro Giustozzi

Nuovo staff tecnico, nuova denominazione, società che verrà trasformata in srl inglobando anche il settore giovanile in un unico soggetto aperto alla partecipazione di altri finanziatori. E soprattutto la voglia e la volontà di vincere. «Quest’anno siamo partiti in anticipo, quanto accaduto lo scorso anno mi ha fatto capire molte cose. L’obiettivo è vincere ogni domenica e contro qualsiasi avversario. Non importa che siamo in Promozione o Eccellenza. Questo è l’input». Alberto Crocioni, presidente dell’Hr Maceratese in via di trasformazione in SS. Maceratese 1922 («non appena le carte federali lo consentiranno procederemo») stavolta va giù deciso nel presentare ambizioni, organigramma e futuro del club biancorosso. L’operazione rilancio è affidata al direttore sportivo Jonathan Proculo ed al mister Daniele Marinelli coadiuvato dal suo staff composto dal vice Luca Barone, il preparatore dei portieri Fabio Fabiani e il preparatore atletico Andrea Lamponi. Alla presenza anche dell’assessore allo Sport, Alferio Canesin, il patron biancorosso ha illustrato i passaggi che attendono la nuova squadra, lasciando aperte le porte a chiunque vorrà dare una mano quando sarà costituita la srl («sono anche pronto a farmi da parte se arriverà qualcuno che metterà più risorse del sottoscritto») ma togliendosi anche qualche sassolino dalla scarpa in merito a presunte o vere cordate interessate al club. «Trasformiamo la società in srl così chiunque vorrà potrà partecipare acquistando quote che potrebbero diventare anche di maggioranza –ha detto Crocioni- ma voglio ribadire che, al momento, l’unico che dovrebbe entrare in questa nuova società è Ivano Mattioni, già sponsor con la sua azienda Fertitecnica.

crocioni-marinelli-proculo-3-325x183

Daniele Marinelli e Alberto Crocioni

In queste settimane è vero che ci sono stati contatti, promossi anche dal Comune, con persone interessate all’Hr Maceratese e non ho problemi a fare i nomi di Gagliardini e Micozzi. Tante parole, ma poi al momento di concretizzare e mettere sul tavolo il denaro per entrare nel club, quello che si era promesso prima si è di molto ridotto dopo. E questo non mi piace. Io ho una sola parola che è sempre quella. Non la cambio a differenza del luogo o delle persone con cui sono». Un Crocioni determinato, un presidente diverso da quello che un anno fa aveva presentato all’Helvia Recina la rinascita della Maceratese. Un anno di esperienza, come lui stesso ha detto, gli sono serviti per affrontare in altro modo il rilancio del calcio biancorosso. «Che può puntare anche a salire in Eccellenza e in serie D –ha proseguito. Ma le basi devono essere quelle del settore giovanile, con ragazzi che devono essere la linfa vitale del club. Quest’anno la parola d’ordine è una sola: vincere, fare 3 punti ogni domenica indipendentemente da quale categoria affronteremo. Credo che nelle prossime settimane si avrà un quadro già ben delineato delle possibilità di ripescaggio in Eccellenza. Costruiremo con il mister e il direttore Proculo una squadra competitiva comunque. Augurandoci che la città ed i tifosi ci siano vicini: faremo iniziative per riavvicinarli alla Maceratese».

crocioni-marinelli-proculo-2-325x183La palla è poi passata a Daniele Marinelli, il mister di origini tolentinati cui spetterà l’operazione rilancio della Rata. «E’ una sfida importante e ne capisco la responsabilità –ha esordito il neo allenatore- tanti vorrebbero stare al mio posto. Per questo un ringraziamento va a chi mi ha scelto ma anche al Casette Verdini che mi ha consentito di mettermi in luce. Avrò al mio fianco uno staff molto preparato e di mia fiducia. Ciò che posso promettere per la prossima stagione è che la mia squadra avrà in ogni partita tanto orgoglio e attaccamento alla maglia, nonché umiltà nell’affrontare gli avversari. Dobbiamo costruire la nuova Maceratese ma la base sarà comunque una difesa a 4: poi si vedrà il modulo da adottare rispetto ai giocatori che ci saranno. Negli ultimi anni a Casette Verdini ho giocato con il modulo 4-3-3 ma non è un dogma irrinunciabile soprattutto in queste categorie dilettanti. Per gli allenamenti stiamo valutando di effettuarli al pomeriggio ma la scelta definitiva non è stata ancora presa».

marinelli-crocioni-proculo-canesin-2-325x183Poche parole, invece, da parte di Jonathan Proculo che dovrà individuare i calciatori adatti per la nuova squadra. «E’ chiaro che dobbiamo migliorarci rispetto allo scorso anno e fare bene –ha ribadito il diesse- così come non posso dire ancora come sarà la nuova Maceratese. Certamente terremo del vecchio gruppo 3/4 elementi, oltre agli under della società: posso dire che ci sarà di sicuro Campana e non invece Ridolfi. Il resto è una pagina bianca tutta da scrivere». Il presidente Crocioni ha poi ribadito anche l’importanza sociale nella città dell’Hr Maceratese, che coinvolge 300 calciatori tra prima squadra e giovanili e anche 40 addetti, una vera e propria azienda. «Che deve anche cercare di autofinanziarsi perché qui non è che abbiamo dirigenti mecenati come invece avviene in altre piazze –ha ribadito il presidente-. Ribadisco che la società è aperta a tutti coloro che vogliono entrare: ma non a parole bensì mettendo mano al portafogli come fa il sottoscritto». L’assessore allo Sport, Canesin, ha ribadito «la vicinanza dell’amministrazione alla Maceratese cui mette a disposizione gli impianti. Poi nelle decisioni della società non entro sicuramente. Lo scorso anno si è giunti ai playoff, il cui esito è stato un po’ deludente, speriamo che quest’anno ci siano maggiori soddisfazioni per la dirigenza, i tifosi e la città. L’auspicio è che i progetti di risalita in categorie più consone al calcio biancorosso possano essere centrati da Crocioni con la scelta di questi nuovi collaboratori. Ricordando sempre quale è anche il valore sociale del calcio giovanile che questa società persegue da tanti anni».

 

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X