Indovina chi non viene in maggioranza
Pd assente e frammentato
dentro la giunta Montali

CASO BURCHIO - I democrat non si sono presentati alla riunione di maggioranza di giovedì notte, in cui Sabrina Montali pretendeva dai suoi alleati in "Noi Per Porto Recanati"di conoscere le rispettive posizioni sulla variante del Burchio
- caricamento letture
Il sindaco Sabrina Montali

Il sindaco Sabrina Montali

di Alessandro Trevisani

Nuova impasse politica a Porto Recanati sul fronte del Burchio. Il Pd non si è presentato alla riunione di maggioranza di ieri sera, in cui Sabrina Montali pretendeva dai suoi alleati in “Noi Per Porto Recanati”(presente anche Sel al completo, dopo mesi di assenza) di conoscere le rispettive posizioni sulla variante del Burchio, che sarà votata – dopo l’annullamento della pratica imbastito dalla sindaco il 15 ottobre scorso, per vizi di forma e sostanza, dalla mancanza della firma dell’Ente alla questione cost/benefici pubblici – non più tardi del 24 novembre. Quindi Pd assente in blocco, col segretario reggente Quirino Falaschini che comunica alla sindaco la notizia nel pomeriggio. La consigliera Rina Stefanelli, delegato all’Istruzione, avrebbe comunicato personalmente al sindaco Montali l’assenza, giustificata con problemi di salute, ma in diversi hanno notato la sua assenza, giovedì notte, alle fasi finali della riunione del Pd nella sede di via Don Bosco 8.

burchio 2

La vista dal Burchio, dal luogo in cui dovrebbe sorgere l’hotel 5 stelle superior.

Anche l’assessore ai Lavori Pubblici Andrea Dezi, pesente in Giunta nel tardo pomeriggio, si è giustificato personalmente, spiegando che era il suo compleanno (39 anni), festeggiato con tanto di torta e foto postata su Facebook insieme alla moglie Maria Grazia Pantone, già segretaria dell’ assessore regionale piddino all’Industria Sara Giannini, ma anche ex consigliere comunale di Porto Recanati, 2 volte su 2 assente giustificata ai consigli comunali del 30 dicembre 2013 e dell’8 aprile 2014, in cui si era votata l’adozione della variante del resort 5 stelle, in prima e seconda istanza.

La  Montali ha ribadito a tutti che se non porterà a casa il “no” al Burchio se ne tornerà a casa. E mentre il consigliere piddino Petro Feliciotti appare certo per il “sì”, la segretaria Pd e capogruppo Npp, Antonella Cicconi, sarebbe in forte difficoltà, non avendo ancora preso una decisione di fronte al vorticoso mutare del quadro politico regionale e provinciale, dove è in corso una guerra  feroce tra Spacca e Marche 2020 da una parte e il Pd di Comi e Ricci dall’altra.

 

 

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X