Burchio, Riccetti: ” Di chi è l’area dove state facendo il marciapiedi?”

PORTO RECANATI - Continua il botta e risposta tra gli esponenti politici locali e la Coneroblu che dovrà realizzare il maxiresort
- caricamento letture
Lorenzo Riccetti (UpP)

Lorenzo Riccetti (UpP)

di Alessandro Trevisani

UpP replica alla Coneroblu con un comunicato ancora sulla questione del colle del Burchio, dove la 2P di Recanati sta realizzando il marciapiedi di via Montarice. I lavori sono finanziati da Coneroblu Srl, che ha preso l’impegno in base all’accordo di variante adottato dal comune di Porto Recanati. Il 2 maggio Giammario Poeta, candidato sindaco per M5S alle Comunali del 25 maggio, si chiedeva se la Soprintendenza avesse dato autorizzazione all’abbattimento di alcune querce, in quella che è una zona sottoposta a tutela. Lunedì scorso Lorenzo Riccetti, capogruppo di UpP in Consiglio Comunale, si chiedeva a che titolo Coneroblu avesse subappaltato a 2P, e in generale esprimeva dubbi sul ruolo di Coneroblu, anche a livello di garanzie bancarie date sui lavori.
Coneroblu che ieri diramava un comunicato per biasimare “gli attacchi falsi e denigratori avanzati nei confronti della società e dei suoi soci, riportati in alcune interviste di esponenti e candidati politici locali”, e non intendendo “subire i contraccolpi della locale competizione elettorale” annunciava il possibile ricorso alle vie legali, qualora “dovessero continuare questi attacchi ingiustificati, strumentali e menzogneri” (leggi l’articolo). La stessa Coneroblu dovrebbe indire una conferenza stampa a breve, ma intanto oggi interviene nuovamente l’UpP con un ulteriore comunicato che riportiamo integralmente:

“Visto che fintanto che saremo in consiglio comunale il nostro compito istituzionale è quello di vigilare sulla correttezza delle procedure amministrative, appurato  che la Coneroblu dichiara di essere trasparente e disponibile al confronto, gradiremmo che anziché paventare infondate minacce di querela, cui ormai siamo abituati dopo 5 anni di severa opposizione, la società desse risposta alle tre seguenti domande:
1. All’accordo procedimentale n. 63 del 30/12/2013 ha fatto seguito la stipula di apposita convenzione fra Comune di Porto Recanati e Coneroblu, che preveda, tra l’altro la possibilità di subappalto delle opere?
2. L’accordo procedimentale in discussione prevede che il proponente (ossia la Coneroblu) depositi presso il Comune polizza fidejussoria a garanzia della corretta esecuzione delle opere. Da chi è stata sottoscritta la fideiussione bancaria?
3. Le aree su cui la 2P sta realizzando i marciapiedi sono pubbliche, di proprietà della Coneroblu, ovvero di terzi privati?”.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X