Fratelli d'Italia

Il primo confronto tra candidati
diventa un faccia a faccia
tra Mirella Paglialunga e Silvia Squadroni

ELEZIONI CIVITANOVA - Donne protagoniste del dibattito di questa sera organizzato dal comitato dei genitori di "Insieme cambiamo la mensa". Assente Ciarapica, Morgoni non tiene il passo dell'ex dirigente scolastica e dell'avvocatessa, attaccata oggi dalla civica di destra Vince Civitanova: «Ha messo su una vera e propria accozzaglia, da Italia Viva e Azione ai 5Stelle, che punta solo alla gestione del potere»
- caricamento letture
confronto-2-650x368

Il confronto moderato da Antonio Rignanese di Insieme cambiamo la mensa con i candidati Silvia Squadroni, Vinicio Morgoni e Mirella Paglialunga

di Laura Boccanera

Fra proposte e stoccate è andato in scena online il primo confronto fra i candidati sindaci che concorrono alle amministrative della prossima primavera. Un dibattito tematico che aveva come tema unico quello della refezione scolastica e su cui ha pesato l’assenza dell’attuale sindaco Fabrizio Ciarapica «assente per impegni precedentemente presi e che non hanno consentito di fissare una data differente» – fa sapere l’organizzatore Antonio Rignanese del comitato Insieme cambiamo la mensa.

paglialunga-2-325x189

Mirella Paglialunga candidata della coalizione di centrosinistra

Mirella Paglialunga, Silvia Squadroni e Vinicio Morgoni hanno affrontato le questioni poste dai genitori del comitato e la prima uscita pubblica sui programmi e sulle idee ha visto un buon bilanciamento fra le proposte della candidata del centrosinistra, ferratissima sull’argomento per il suo passato da “insider” della scuola come dirigente scolastica e della candidata civica Silvia Squadroni che in maniera sintetica ed efficace ha saputo tratteggiare criticità attuali e idee future. Più indietro Vinicio Morgoni che è sembrato aver studiato l’argomento ma con una certa difficoltà e confusione nell’esposizione delle proprie progettualità. Mirella Paglialunga è stata la prima a scuotere il clima di amicizia e fair play addebitando all’attuale amministrazione e all’assessorato della Capponi le criticità del sistema: «Col Covid alcune mense sono state chiuse e un assessore non può far passare sotto silenzio questa cosa, deve governare le procedure, in questi anni non ho mai visto la Capponi governare le procedure del servizio mensa e sono molto arrabbiata con questo assessorato perché totalmente assente su mensa e scuole. Se c’è un intento comune fra noi tre è quello di battere Ciarapica in questa competizione elettorale perché quello che questa giunta in 5 anni ha offerto a scuole famiglie e bambini è insufficiente. Chi si siederà sulla poltrona di Palazzo Sforza deve pensare che non rappresenterà più solo chi li ha eletti, le famiglie numerose o certe tipologie di nuclei familiari ma rappresenterà l’intera città». «Spiace vedere che per un candidato i bambini non siano una priorità» fa eco in apertura Silvia Squadroni. Il dibattito si è basato su un giro di tre domande poste ai candidati relative ad un commento sui dati diffusi da Insieme cambiamo la mensa relativamente al sondaggio commissionato qualche mese fa fra i genitori, su cosa propone il programma dei singoli competitor per la mensa e su quali risorse utilizzare per attuare i cambiamenti proposti.

silvia-squadroni

Silvia Squadroni ( “Siamo Civitanova”), candidata del polo di centro

Efficace, sintetica e quasi “cartesiana” Silvia Squadroni con idee chiare e distinte ha evidenziato alcuni aspetti su regolamento e procedure e possibilità di modificare il sistema da appalto esterno ad interno: «Nel capitolato manca l’obbligo di figure professionale e formazione continua, occorre pretendere l’ inserimento nell’appalto della specificazione di quali siano le modalità di cottura e trasporto e anche ampliare le possibilità di controllo da parte dei genitori. L’attuale appalto scade nel 2024 – ha sottolineato la candidata civica di Siamo Civitanova – e qualora si decida di proseguire con l’appalto esterno sarà necessario ed è possibile garantire un servizio migliore. Riorganizzare tutto il servizio con cucina interna alle mense sicuramente non è facile, ma è una decisione che eventualmente andrà presa coinvolgendo tutti i soggetti portatori di interesse. La mensa non riguarda solo i bambini o le famiglie, ma è un servizio che tutti dobbiamo sentire come nostro – e su come reperire le risorse aggiunge – una possibilità viene dalla liberazione di risorse legate ad opere pubbliche. Si reperiscano fondi europei per opere pubbliche liberando dalla spesa corrente risorse per aumentare la quota destinata alla mensa da spendere da un lato per l’abbassamento dei costi della mensa, dall’altro per il miglioramento del servizio».

La candidata del centro sinistra, oltre alla stoccata polemica ha fatto valere la sua trentennale carriera nella scuola analizzando il problema in maniera approfondita e con uno sguardo anche inedito rispetto a quello tradizionalmente politico sottolineando come la refezione sia un momento educante all’interno della comunità scolastica e in particolare facendo leva sulla parola diritto. Da garantire a tutti, fasce deboli e anche a chi proviene da fuori comune (e che attualmente paga a prezzo pieno la mensa). «Le responsabilità sulla mensa non fanno capo solo al comune alla scuola o alla ditta – ha detto – serve un patto di corresponsabilità per chiarire ruoli e esigenze. Spesso questi ingranaggi non sono chiari. Va poi ampliata la partecipazione dei genitori, ma semplificandola ed è da rivedere anche l’iter procedurale per dare tempestività di comunicazione. Io stesso un anno chiamai i Nas senza passare dal comitato tecnico perché c’è una responsabilità personale e i bambini devono avere la priorità».

vinicio-morgoni-1-325x190

Vinicio Morgoni, La nostra città

Su proposte nel programma la Paglialunga sottolinea che vanno garantiti «equità e pari opportunità. Deve essere garantito alle famiglie non tanto un controllo, parola che non amo, ma una partecipazione preventiva. Ovvio prevedere un cibo che sia rispondente al gradimento e di qualità, ma non basta, bisogna intervenire nelle situazioni di disagio. Non si può rifiutare il diritto alla mensa scolastica. E’ una mancanza di rispetto dei diritti dell’infanzia. L’ente locale come primo aspetto deve garantire a tutti e alle fasce deboli questo diritto. Per le risorse un modo saggio di procedere e di cui farò la mia bandiera è il bilancio sociale che non inizia e non finisce con preventivo e consuntivo, ma che chiarisca il rapporto fra spesa e soddisfacimento dei diritti».

Più in difficoltà fra le due candidate donne Vinicio Morgoni che ha proposto di allargare il servizio di refezione scolastica anche ai singoli individui: «secondo noi il servizio va ampliato – ha detto – affinché vada a servire tutte quelle strutture che hanno bisogno di pasti serviti e perché no anche per esigenze individuali e familiari. Tra i prodotti inoltri perché non inserire il gelato? Inoltre ci sarebbe da capire quali sono le motivazioni dello scarso gradimento e del rifiuto del pasto. Il menù dovrebbe farlo un nutrizionista del Comune – ha detto – inoltre vanno inseriti produttori e coltivatori della zona che così possono avere un vantaggio economico e contemporaneamente i bambini accedere a pasti a chilometro zero». Per quanto riguarda il reperimento delle risorse anche Morgoni sottolinea l’uso dei fondi europei: «l’obiettivo dovrebbe essere far spendere meno per il servizio, meno costa meglio è – dice -sui fondi europei abbiamo fatto un incontro, ma è vero che se i comuni non fanno le domande quelle occasioni vengono perse. Quindi i fondi dall’Europa sono auspicabili, ma in attesa di questi usare quelli comunali ampliando anche la portata delle spese per il sociale per aiutare le famiglie».

TROIANI-BELLETTI

Fausto Troiani e Roberta Belletti

Assente come detto Fabrizio Ciarapica. Oggi dalla sua coalizione a firma Vince Civitanova rappresentata in giunta da Fausto Troiani e Roberta Belletti arriva la critica alla candidata Silvia Squadroni accusata di “spacciarsi come il nuovo che avanza”. La lista civica ripercorre la storia politica della Squadroni: «Da sempre in Forza Italia, si candida a sindaco di Civitanova, insieme al Movimento 5 Stelle, Italia Viva e personaggi della sinistra e ha il coraggio di spacciarsi come il nuovo che avanza. Nel 2012 si è candidata nella lista Vince Civitanova, e nel 2017 è stata presidente dell’Azienda Teatri con la giunta Ciarapica. Poi, quando Ciarapica non l’ha scelta come assessore, l’amore per il centrodestra è improvvisamente svanito. E da lì ha deciso di candidarsi a sindaco con grillini, Italia Viva, Azione di Calenda, personaggi a sinistra come Ghio ed altri come Vittorio Taffoni o Alfredo Perugini. Una vera e propria accozzaglia che punta solo alla gestione del potere e che di nuovo non ha assolutamente nulla. Altro che metodo Spazzafumo è il metodo Squadroni, coacervo di personaggi di ogni provenienza allargato ai partiti di sinistra».

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni = 1