Summit tra partiti, centrodestra unito
«A Corridonia con un progetto di 10 anni
Avanti a Civitanova, Tolentino e Camerino»

ELEZIONI - Riunione dei vertici provinciali di Lega, FdI, Forza Italia e Udc in vista delle amministrative di primavera. Ribadite coalizioni unitarie nei Comuni che andranno al voto, problemi sui nomi tranne che nella città costiera
- caricamento letture

elezioni-san-severino2-325x217

 

Tensioni a Roma, tutti sembrano invece andare d’amore e d’accordo in periferia. Il centrodestra maceratese si è riunito ieri per discutere l’assetto del prossimo turno elettorale, previsto salvo emergenze legate al Covid tra maggio e inizio giugno, e non sono emerse divisioni di alcun tipo: dunque tutti i partiti saranno insieme nella coalizione di centrodestra per le elezioni amministrative di Corridonia, Civitanova, Tolentino e Camerino.

«C’è massima intesa tra le forze politiche tanto che – osservano in una nota Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia e Udc – già dalla prossima settimana saremo presenti nei territori che andranno al voto per fare sintesi con i coordinatori comunali. Partiremo da Corridonia sulla quale puntiamo a governare per i prossimi 10 anni rimanendo al passo con i tempi e in sintonia con quelle che sono le opportunità offerte dal Pnrr, dai bandi regionali e dalla recente filiera istaurata con la Provincia, fondamentale tassello di congiunzione della nostra politica di buon governo, tenendo ben presente la necessità di apertura al mondo civico, delle associazioni e alle migliori intelligenze della città. Presenteremo successivamente il progetto di una Corridonia Futura, realizzato grazie ai suggerimenti ottenuti dall’intenso dialogo instaurato negli anni con i cittadini, nostro punto di partenza, e che riconoscono alla sinistra locale una politica fallimentare. Stesso modello verrà attuato negli altri comuni dove siamo concordi nel voler mettere in pratica una politica sempre più a servizio dei cittadini».

Centrodestra compatto, con un piccolo particolare ancora da discutere: il nome del candidato sindaco. A parte Civitanova dove da tempo è stato ufficializzato il bis di Fabrizio Ciarapica, qualche elemento di tensione lo si registra a Corridonia e a Tolentino nel senso che non si trova l’amalgama tra i nomi che i partiti vorrebbero e quelli che invece circolano anche con il sostegno dei movimenti civici. Nel primo caso, il nodo da sciogliere è l’accordo sul nome con le opposizioni, che hanno già annunciato una proposta unitaria, e sembrano voler puntare su Giuliana Giampaoli. Figura però che i partiti di centrodestra non gradirebbero, perché vorrebbero puntare su Massimo Cesca. A Tolentino invece il nome sui cui discutere e sui si attende proprio l’ok dei partiti è quello dell’attuale vicesindaca Silvia Luconi. A Camerino è tutto in alto mare dopo l’accordo a più voci e colori partitici per la sfiducia a Sborgia.

(redazione CM)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 1
Civitanova = 
Elezioni =