La direzione non scioglie
i dilemmi del Pd
Fabbri, Marcolini o primarie

REGIONALI - Si è chiusa con un nulla di fatto la seduta durata 6 ore, alla presenza del vice Renzi Lorenzo Guerini che ha dichiarato: "Il Partito Democratico delle Marche sa decidere". Decisione rinviata a lunedì sera. La senatrice pesarese e l'assessore al Bilancio della Giunta Spacca sono in pole position. Slitta anche l'assemblea degli iscritti
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Francesco Comi con il vice Renzi Lorenzo Guerini ieri alal direzione regionale del Pd

Francesco Comi con il vice Renzi Lorenzo Guerini ieri alla direzione regionale del Pd

di Alessandra Pierini

Si è conclusa con un nulla di fatto e con l’ennesimo slittamento l’attesa direzione del Pd di ieri che avrebbe dovuto decretare il nome del candidato governatore alle elezioni regionali in programma per maggio. Nonostante una seduta fiume durata 6 ore e 39 interventi, alla presenza del vice Renzi, Lorenzo Guerini, il partito non ha trovato la quadratura del cerchio e la riunione è stata aggiornata a lunedì alle 21, con conseguente rinvio anche dell’assemblea regionale che avrebbe dovuto svolgersi domani. Tra i nomi circolati con insistenza, oltre a  quello della senatrice Camilla Fabbri c’è quello del maceratese Pietro Marcolini, assessore al Bilancio della Giunta Spacca.

Al centro la senatrice Camilla Fabbri la cui candidatura ha raccolto diverse preferenze

Al centro la senatrice Camilla Fabbri la cui candidatura ha raccolto diverse preferenze

«Alla presenza dell’onorevole Guerini – si legge in una nota del partito – in quel contesto si arriverà a chiudere su un nome per il candidato a Governatore o, in alternativa, a fissare la data per le primarie». La riunione dei democrat è iniziata in ritardo rispetto al programma, secondo i bene informati per tentare fino all’ultimo di sanare spaccature e dissapori, ed è stata preceduta dall’incontro tra il segretario regionale Francesco Com, i segretari provinciali e l’onorevole Lorenzo Guerini che ha dichiarato prima della direzione: «Secondo le previsioni del nostro Statuto, rispettando le regole e dentro la partecipazione – ha spiegato – si prevede la possibilità del candidato unitario. Il Pd delle Marche è sano, sa discutere e sa decidere».

Tra i possibili candidati indicati durante la direzione anche Pietro Marcolini, assessore al Bilancio della Giunta Spacca

Tra i possibili candidati indicati durante la direzione anche Pietro Marcolini, assessore al Bilancio della Giunta Spacca

Se nei giorni scorsi la consultazione individuale dei componenti di Direzione ed Assemblea regionali del partito, avevano indicato di volere la candidatura di Comi, il quale ha rifiutato (leggi l’articolo), ieri sono state invece molte le voci che si sono levate a favore della candidatura della senatrice Camilla Fabbri. Altre posizioni, invece, hanno avanzato piuttosto la via delle primarie o la proposta di trovare la sintesi unitaria su un’altra figura. E’  emersa, in particolare, quella dell’attuale assessore al Bilancio, Pietro Marcolini.

«Il dibattito ed il confronto interni al Pd Marche – continua la nota –  seppure articolati e non semplici, sono la ricchezza del partito, come ha ricordato ieri il segretario regionale, Francesco Comi, che ha messo al centro del suo intervento l’importanza del collettivo, del fare squadra e del progetto politico».

platea

Guerini_Comi_Stracci

Francesco Comi

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X