«Super green pass per lo sport all’aperto:
una bruttura inaccettabile,
assordante il silenzio della Figc»

CALCIO - L'Academy Civitanovese alza la voce sull'entrata in vigore del disegno legge numero 229, che da lunedì 10 gennaio vieterà la pratica ai non vaccinati: «Le istituzioni dovrebbero rappresentare le istanze dei propri tesserati, ma irresponsabilmente risultano assenti ingiustificati nel perorare i loro diritti»
- caricamento letture

 

SQUADRONI-Paolo-Presidente-e1627805465800-325x239

Paolo Squadroni, presidente dell’Academy Civitanovese

«L’Academy Civitanovese vuole ancora una volta alzare il velo su una bruttura inaccettabile che da lunedì 10 gennaio con l’entrata in vigore del disegno legge numero 229 del 30 dicembre vieterà ai ragazzi non provvisti di green pass rafforzato di praticare sport all’aperto. E ancora una volta denunciamo il silenzio assordante delle istituzioni, come la Figc, che dovrebbero rappresentare le istanze dei propri tesserati, ma che irresponsabilmente risultano assenti ingiustificati nel perorare i loro diritti». La società rossoblu guidata dal presidente Paolo Squadroni da sempre è attenta all’attività calcistica giovanile. E oggi vuole rimarcare il suo disappunto a proposito della nuova norma che regola lo svolgimento dello sport all’aperto. «Proprio così: dalla settimana prossima i ragazzi dai 12 anni in su potranno regolarmente e per fortuna, andare a scuola per cinque ore in aule chiuse e spesso anguste di 30 metri quadri senza green pass, ma non potranno più praticare sport all’aperto per un’ora e mezza in un campo di calcio di 6000 metri quadri – si legge nella nota del club -. Abbiamo già riportato il grido d’allarme che molti psicologi continuano a reiterare sugli effetti catastrofici che questa situazione legata alla pandemia lascerà in eredità ai soggetti più deboli come bambini ed adolescenti».

preparatori-academy-civitanovese-2-325x207

Un allenamento dei bambini

«Gli aumenti esponenziali di casi di ansia, paura, depressione e altri disagi mentali che il Covid sta scavando sulle loro fragili personalità. Per tutta risposta dal 10 gennaio li priveremo di uno dei loro diritti fondamentali, forse quello da loro più amato: quello di fare sport. I diritti dei bambini e la loro salute, non dovrebbero mai essere strumentalizzati e la nostra iniziativa cerca solo ed esclusivamente di sensibilizzare su un tema che dovrebbe stare a cuore non solo a chi come noi si dedica a loro, ma a tutte le persone, genitori e non, dotate di un minimo di sensibilità – conclude l’Academy Civitanovese, con una citazione -. Martin Luther King diceva: “meglio accendere una candela che maledire l’oscurità”. Questa vuole essere la nostra piccola fiammella che crediamo debba diventare una stella cometa, in grado di illuminare chi ha il potere e l’onere di prendere queste nefaste decisioni da cui derivano terribili conseguenze».

«Calcio e pandemia, tanti quesiti: speriamo in risposte risolutive per il regolare svolgimento della stagione»

Si ferma anche l’Eccellenza, il calendario scivola di due settimane

Eccellenza, rinviate le partite delle maceratesi Serie D ferma fino al 23 gennaio

Si ferma il calcio dilettantistico, slittano le prossime due giornate In campo solo l’Eccellenza

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X