«Ancora nessuna chiarezza
sul personale che sarà impiegato
al Covid center di Civitanova»

INTERROGAZIONE del consigliere regionale Elena Leonardi (Fdi): «Ceriscioli spieghi come e dove intenda reperirlo»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Elena-Leonardi-1-325x216

Elena Leonardi, consigliere regionale di Fratelli d’Italia

 

«Il Covid100 di Civitanova è completato e sembra pronto per essere utilizzato, ma non si ha ancora alcuna notizia in merito al personale che vi sarà impiegato. La Regione – afferma il capogruppo Fdi in consiglio regionale, Elena Leonardi, vicepresidente della commissione sanità – deve spiegare dove e come pensa di reperire i medici e il personale necessario al funzionamento della struttura che sembra in procinto di essere aperta. Per questo nei giorni scorsi ho presentato un’interrogazione al governatore Ceriscioli, assessore alla sanità, che deve subito fare chiarezza dopo che il bando che chiedeva ai medici la disponibilità volontaria di impiegarsi nel centro di Civitanova è andato deserto. Il timore del comparto sanitario marchigiano infatti è quello che per dotare il nuovo Covid Hospital del personale necessario si vadano a depotenziare i reparti della sanità ordinaria degli ospedali del territorio regionale. Preoccupazioni che in particolar modo arrivano dal personale dell’ospedale di Civitanova che per vicinanza rischia di essere quello più coinvolto nella gestione dei pazienti Covid. Il governatore deve spiegarci come pensa di trovare il personale, quanto ne ha previsto, quali modalità ha intenzione di attivare per reperirlo e da quali strutture provenga. Sarà necessario avere queste informazioni per capire non solo la funzionalità del progetto Covid100 ma anche per comprendere quale impatto avrà sul sistema sanitario regionale nel suo complesso.

covid-hospital-nella-fiera-ultimato-bertolaso-ceriscioli-ciarapica-civitanova-FDM-5-325x217

Ceriscioli e Bertolaso al Covid Center di Civitanova

Il presupposto – aggiunge il consigliere Elena Leonardi – della nascita del centro unico Covid infatti non è solo quello di avere un punto di riferimento per i malati di Coronavirus, ma anche quello di un graduale ritorno alle piene funzionalità delle altre strutture ospedaliere marchigiane. Da settimane leggiamo sui giornali gli appelli accorati dei medici e delle associazioni di professionisti che chiedono alla Regione e a Ceriscioli di essere ascoltati e coinvolti nella pianificazione di questa fase così delicata per l’intero sistema sanitario regionale. Un coinvolgimento, quello dei professionisti e addetti del settore, che è mancato all’inizio, quando si ponevano le basi del progetto, e che continua a mancare anche in questa fase di reperimento dello stesso personale sanitario. Dispiace dover costatare, anche in questa situazione emergenziale e difficile, che per l’ennesima volta la sanità marchigiana viene gestita con assoluto distacco dalla comunità, come un’imposizione sul territorio che la deve subire, e sull’intero comparto sanitario, che se ascoltato avrebbe potuto indicare meglio di chiunque altro la via migliore da seguire. E proprio il fatto di non averli coinvolti, è la ragione per cui oggi tutti i nodi stanno venendo al pettine”, conclude il capogruppo Elena Leonardi.

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X