Mercorelli stronca il Covid center
«Uno spreco di risorse,
servono investimenti sul futuro»

DIBATTITO - Anche il candidato governatore del Movimento 5 stelle contro l'opera voluta dal governatore Luca Ceriscioli e ideata da Guido Bertolaso all'ente fiera di Civitanova
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Gian Mario Mercorelli

 

«La scelta del governatore Ceriscioli e dei suoi consulenti di collocare il Covid center in una struttura temporanea della Fiera di Civitanova è sbagliata. Visto che strutture di questo tipo appaiono ancora come una necessità, nonostante la prima fase acuta della pandemia sia stata superata, tanto vale strutturare la risposta all’emergenza in con un’ottica futura, ribaltando il paradigma attuale. Meno spesa, più investimento: significa che il denaro che viene utilizzato per quest’opera non deve essere sprecato per qualcosa di temporaneo, ma canalizzato verso un presidio che oggi serve contro il Covid-19, ma che in futuro potrà avere anche altri impieghi e, soprattutto, costituire un valore aggiunto per la nostra sanità, che ne ha parecchio bisogno». Ad affermarlo è il candidato alla presidenza delle Marche per il Movimento 5 Stelle, Gianni Mercorelli, in una nota con la quale sintetizza e  ribadisce la posizione unitaria del partito contro la struttura voluta dal governatore Luca Ceriscioli e ideata dall’ex capo della Protezione civile Guido Bertolaso, che prevede una novantina di posti di terapia intensiva e sub intensiva all’ente fiera di Civitanova.

I lavori alla fiera di Civitanova

«Il Movimento – spiega infatti Mercorelli – fin dall’inizio di questa vicenda ha espresso forti dubbi sulla scelta di Ceriscioli, un amministratore non nuovo ad agire in piena autonomia decisionale e soprattutto non nuovo a coinvolgere in progetti pubblici molti soggetti privati a lui direttamente riconducibili, come più volte sottolineato anche dalla stampa. Stavolta, però, ci pare che sia sia davvero passato il limite: il Covid Center verrà localizzato in una struttura che richiede costosi lavori per essere adeguata all’uso. Il preventivo di spesa è infatti di circa 6 dei 12 milioni di euro disponibili, una somma da considerarsi “a perdere”, in quanto che tutto successivamente dovrà essere smantellato in pochi mesi». Non solo, per il candidato governatore pentastellato oltre a uno spreco di risorse per lavori che poi dovranno essere smantellati, c’è il fatto che in questo modo non si potenzia minimamente la sanità regionale.  «La scelta di Ceriscioli – insiste infatti Mercorelli  – è un doppio errore: dal punto di vista finanziario, perché comporta un spreco di denaro e non riesce a mettere in piedi un efficace sistema di contenimento dei costi, e strategico, in quanto a fronte di una spesa considerevole non potenzia in alcun modo la sanità regionale del futuro. La nostra Regione – spiega ancora il candidato grillino – è stata tra le più colpite dalla sciagura del Covid19, che ha svelato tutte le carenze e le contraddizioni di una gestione ed organizzazione sanitaria che abbiamo sempre contestato. Il modello aziendalistico e privato della sanità, caldeggiato da sempre dal governatore e dal Pd regionale, che in questo si allinea alla visione delle destre locali, ha dimostrato tutti i suoi limiti. E’ ora di una decisa sterzata e di un cambio di rotta: la sanità pubblica può garantire tempi e modalità di reazione impensabili per le strutture private, pertanto dobbiamo concentrarci nel potenziamento delle strutture pubbliche dislocate sull’intero territorio regionale, applicando un modello di presidio sanitario territoriale diffuso, a cominciare dalle zone del nostro entroterra».

In questo quadro, «non stupisce ma rattrista l’atteggiamento del Partito Democratico, che avrebbe il compito di governare ancora per poco la nostra Regione: da un lato c’è il governatore uscente, non ricandidato e ormai ai margini del suo stesso partito, fa di tutto per trovare una collocazione futura con scelte improvvide, dall’altro la sottosegretaria Alessia Morani, che in un assurdo gioco a ‘poliziotto buono, poliziotto cattivo’, prima tira il sasso e poi nasconde la mano. Speriamo – conclude Mercorelli – che con le prossime elezioni regionali si possa finalmente mettere la parola fine a questo assurdo dualismo e si torni a una normale situazione, dove chi ha incarichi di governo nazionale si occupa di quello e chi dovrebbe pensare al benessere delle Marche possa doverlo fare, senza render conto a sistemi di potere da troppi anni radicati sul territorio».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X