Covid center, l’elenco delle aziende
Attesa per il “decollo dell’astronave”

CIVITANOVA - Ecco chi ha lavorato alla struttura ideata dall'ex capo della Protezione civile Guido Bertolaso. Domani sopralluogo con Ceriscioli e formazione del personale
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
covid-center-fiera-civitanova4-650x488

Summit con Guido Bertolaso al covid center

 

di Monia Orazi

Sono 32 le aziende, una decina quelle marchigiane, impegnate nel maxi cantiere alla fiera di Civitanova. Il Covid center delle Marche con 84 posti letto di terapia intensiva e sub intensiva che nei prossimi giorni dovrebbe iniziare ad accogliere i primi pazienti. Slittata dunque l’apertura che era stata prevista per oggi. Domani comincerà la formazione del personale ed è in programma un sopralluogo del governatore Ceriscioli insieme a Bertolaso e al sindaco Ciarapica. 

covid-center-fiera-civitanova3-325x216

Ultimi ritocchi alla struttura

Tra l’elenco, reso noto, delle ditte che stanno lavorando alla realizzazione di quella che Bertolaso ha ribattezzato “astronave”, manca la Ip Costruzioni srl di Martinsicuro (Teramo), che insieme alla Promedia di Patrizia Arnosti, che ha curato il progetto affiancandosi a Guido Bertolaso, ha già lavorato al Mazzoni di Ascoli Piceno. Si tratta di un’azienda di costruzione che si occupa di opere edili. Altra azienda che ha una serie di appalti con Asur Marche è la Rekeep spa di Zola Predosa, il nuovo nome assunto anni fa da Manutencoop, che da una decina di anni circa ha vinto diversi appalti dell’Asur Marche, tra cui alcuni anche nelle strutture sanitarie della provincia di Macerata. Altra azienda di rilievo impegnata nel cantiere è Operamed srl, della provincia di Padova, che realizza moduli per unità di terapia intensiva, sale degenze, laboratori, sale ibride, blocchi operatori, in Italia ed all’estero. Nelle Marche ha già lavorato anch’essa al Mazzoni di Ascoli Piceno e all’ospedale di San Benedetto. E’ la stessa azienda che ha lavorato con Bertolaso per allestire il Covid center alla Fiera di Milano. Operamed e Rekeep, tra l’altro, figurano nella lista ufficiale dei donatori, tra coloro che hanno donato beni e servizi alla struttura. «Sul cantiere sono impegnate quotidianamente circa 150 persone divise in squadre di elettricisti (20), idraulici (15), addetti ai sistemi di areazione (15) e di gas speciali (3), di montaggio strutture in cartongesso (50), a lavori di edilizia e finiture (5), alle pulizie 10) oltre alla direzione e coordinamento generale dei lavori. Uno staff che nei giorni scorsi ha anche raggiunto, nei momenti di allestimento delle grandi strutture metalliche, di pavimentazione, di copertura, le 180 unità, sempre garantendo attività sulle 24 ore», si legge negli aggiornamenti dal cantiere postati sul sito del Covid hospital di Civitanova.

covid-center-fiera-civitanova7-325x181

La copertura dell’ente fiera

Impossibile avvicinarsi al cantiere, sorvegliato a vista dall’esercito e dal personale del Cisom, il Corpo italiano di soccorso dell’ordine di Malta. Il conto economico dei lavori ammonta a 5 milioni 870mila euro per gli interventi della struttura, di cui 2 milioni e 400mila euro per opere edili, 1 milione 350mila euro per impianti elettrici speciali, 1 milione 250mila euro per gli impianti di condizionamento, 600mila euro per gli imprevisti, 150mila euro per la logistica ed i professionisti, 120mila euro per impianto idrico sanitario. Altri due milioni e 571mila euro sono i costi delle tecnologie sanitarie e degli arredi: la terapia intensiva e sub intensiva (42 posti letto ciascuno) costa 848mila euro, la tac e apparecchiature di radiologia digital 702mila euro, la sala operatoria 251mila euro, gli arredi 770mila euro. Nel quadro economico c’è chiaramente scritto che si tratta di costi stimati per l’ospedale temporaneo. Sino ad oggi sono stati raccolti poco più di otto milioni di euro, al netto dei materiali donati. Una scelta quella voluta da Ceriscioli che ha fatto discutere, ma che si inserisce nell’indirizzo dato dal ministro della Salute Roberto Speranza di costruire delle strutture per affrontare possibili nuove ondate della pandemia, ipotesi già contemplata in documenti di scenario redatti dal comitato tecnico scientifico.

covid-center-civitanovaNon tutti, però, hanno scelto Bertolaso e fiere dismesse per realizzare i progetti. In Abruzzo sono stati consegnati a metà aprile i lavori per realizzare un Covid hospital a Pescara, con regolare appalto pubblico indetto con procedura d’urgenza dalla Regione Abruzzo. I lavori sono in corso in una palazzina di proprietà dell’Asl di Pescara. Si stimano in tutto 90 giorni per i lavori, per una struttura permanente che resterà a disposizione in futuro, con 50 posti letto che nelle intenzioni dovrebbero essere pronti in un mese. A vincere l’appalto la Omnia Servitia di Pescara. In Campania la struttura prefabbricata Covid realizzata nel parcheggio dell’ospedale del Mare di Napoli costata poco meno di otto milioni di euro, per 72 posti di terapia intensiva, fa parte di una maxi gara di appalto indetta dalla Regione Campania  a metà marzo per realizzare tre differenti Covid center a Napoli, Caserta e Salerno. A vincere l’appalto l’azienda di Padova Manifacturing Engineering Development Med che dal 2003 realizza ospedali prefabbricati. I primi 48 posti a Napoli sono stati inaugurati lo scorso 20 aprile. Anche in Emilia Romagna si è provveduto tramite intervento ed appalto pubblico: investimento di oltre 26 milioni di euro per il Covid Intensive Care, una rete di terapie intensive con 146 posti letto sempre utilizzabile, che si trovano in strutture dell’ospedale Maggiore di Parma, del policlinico Sant’Orsola e dell’pspedale Maggiore a Bologna, del policlinico e dell’ospedale civile di Baggiovara a Modena e dell’Ospedale Infermi a Rimini, la cui realizzazione fa capo alle diverse aziende sanitarie, dei fondi gran parte regionali, 9 milioni e mezzo di euro vengono da donazioni e e attrezzature dedicate fornite dalla Protezione civile nazionale. Gli interventi ed i lavori dovrebbero essere conclusi entro i mesi di maggio e giugno.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X