«Il regalo di Pasqua a Treia:
i tamponi negativi alla casa di riposo
Patassini smetta di fare il menagramo»

L'AMMINISTRAZIONE CITTADINA invia una lettera aperta ai residenti. I ringraziamenti alla Lube per le iniziative di solidarietà ai dipendenti. L'accusa al segretario provinciale della Lega Merlini: «Vuole solo screditare il Comune»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
treia-maggioranza

La Giunta di Treia

 

Una lettera aperta a tutti i treiesi in occasione delle festività pasquali per fare il punto della situazione Covid nel comune. A scriverla la giunta comunale che gioisce per i tamponi negativi a tutti gli ospiti della Rsa, per le iniziative di solidarietà della Lube verso i dipendenti e per l’impegno dei dipendenti comunali. D’altra parte invece condanna le critiche ricevute dall’onorevole  della Lega Tullio Patassini e dal segretario provinciale del Carroccio Simone Merlini. Conclude ricordando le quattro vittime del coronavirus e le loro famiglie.

«L’emergenza Covid – 19 stimola nella nostra città un nuovo modello di responsabilità sociale. Ottime le iniziative di solidarietà verso i propri dipendenti messe in campo dalla Lube e da altre aziende del territorio. Grande sostegno dalle donazioni in denaro e in dispositivi di protezione individuale ricevuti dal Comune, da parte di aziende e privati cittadini. Il regalo dell’amministrazione Comunale di Treia per le feste pasquali alla città?
La risposta di negatività al Virus di tutto il personale e degli ospiti della nostra Casa di Riposo.
La polemica? Patassini come parlamentare si occupi dei disastri della sanità lombarda nella gestione del Covid e non faccia il menagramo.
Chi ha avuto il cuore grande in questa emergenza? Tutto il personale sanitario ed ausiliare impegnato nelle strutture della Casa di riposo, della Rsa e dell’Inrca. Un grande contributo, anche per i rischi che questo virus comporta, quello dato dai medici di base e dalla protezione civile; un plauso al personale dipendente del Comune che non si è mai risparmiato in questa brutta vicenda e ai parroci che hanno fatto sentire la loro vicinanza e celebrato la Pasqua attraverso i social.
L’iniziativa dell’azienda Lube è meritoria conoscendo la sensibilità della proprietà, della famiglia di Luciano Sileoni e dell’amministratore delegato Fabio Giulianelli, in quanto ha contribuito a creare serenità nelle famiglie di tanti treiesi. Ringraziamo inoltre le imprese, i privati e le associazioni che in questo periodo hanno fatto e stanno facendo donazioni al Comune nonché fornito mezzi di protezione individuale ai medici di base, al personale della casa di riposo, alla Protezione civile e a tutti i cittadini treiesi.
In merito alla proposta della lista di opposizione Prima Treia ribadiamo che non ci sono risorse “libere” nel bilancio del comune in quanto l’amministrazione sta proseguendo con l’attuazione delle linee programmatiche e di mandato; la lista Prima Treia quando parla di sostenere le imprese dovrebbe prima convincere alcuni dei suoi componenti, in quanto ricordiamo che gli stessi (che facevano parte della lista di opposizione dell’amministrazione precedente) hanno votato contro le decine di modifiche al Prg richieste proprio dalle piccole e medie imprese treiesi, compresa la nuova area di espansione della Lube e che erano determinanti per lo sviluppo delle stesse.
Il ruolo dell’amministrazione comunale inoltre è quello di occuparsi del sostegno alle famiglie in difficoltà e dell’implementazione delle misure di protezione socio-sanitaria della struttura della casa di riposo.
La notizia più bella di questo periodo e che ci fa avere un cuore leggero in questa Santa Pasqua è la notizia di ieri che i 47 tamponi effettuati a tutto il personale e a tutti gli ospiti della nostra casa di riposo sono risultati negativi all’infezione da coronavirus.
Basta questo dato a rispondere alle sgangherate accuse rivolte all’amministrazione nei giorni scorsi dal segretario provinciale della Lega Merlini che criticava la gestione dell’emergenza al solo fine di buttare discredito sulle strutture comunali.
Le nostre lacrime invece vanno alla memoria delle 4 vittime a ai loro familiari che il virus ha provocato in questa città. Questo aspetto funesto ci consente inoltre di richiamare le nostre famiglie e la nostra popolazione a continuare con assiduità a rispettare le norme di distanziamento sociale con cui convivere per molti mesi ancora, anche quando riprenderanno le attività lavorative, speriamo il prima possibile».

«A Treia una bomba Covid annunciata, circoscrivere subito il contagio»

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X