«Mio padre medico di nuovo in corsia,
io alle prese con la mia partita Iva»
Simone Riccioni tra paure e speranze (Video)

DA CASA - L'attore di Corridonia ha raccontato in diretta su Instagram con Cronache Maceratesi come sta vivendo questo momento: «Noi del mondo dello spettacolo siamo in particolare difficoltà. E' tutto fermo ma ho appena finito di scrivere un nuovo film». La decisione del padre Gianrenato di tornare a lavorare: «Me lo aspettavo ma ho paura»
- caricamento letture
Simone Riccioni in diretta Instagram con Cronache Maceratesi
simone_riccioni_quarantena

Simone Riccioni a casa durante la quarantena

 

di Alessandra Pierini

Sono ben 90mila gli spettatori che hanno visto “La mia seconda volta” prima che il lockdown per coronavirus travolgesse anche i cinema. Simone Riccioni, attore di Corridonia, stava “cavalcando l’onda” con, appunto, il suo film nelle sale cinematografiche e uno nuovo appena finito di scrivere, una web serie  (“Gli Sbarellati”) appena terminata,  una scuola di recitazione appena avviata con 40 studenti già iscritti. Poi è successo l’imprevedibile. Con l’arrivo del coronavirus cinema chiusi e progetti bloccati. A questo si è aggiunta la decisione del papà Gianrenato, anestesista rianimatore, di tornare in corsia, nonostante il pensionamento. Questo è quello che Simone Riccioni ha raccontato a Cronache Maceratesi durante una diretta Instagram di oggi pomeriggio.

Come hai preso la decisione di tuo padre?
«Papà aveva smesso di lavorare tre mesi fa. Quando è arrivata l’emergenza del Covid già sapevo che sarebbe partito. Non è uno che si tira indietro. Mi ha fatto nascere in Africa, è stato in missione 9 anni dall’Ebola al Kosovo, lui c’è sempre stato con lo spirito di un missionario che dona la vita agli altri. Da figlio geloso di suo padre , sono sincero, mi mette paura, ha 64 anni e si sentono tante cose. E’ un guerriero. Ho una stima immensa tant’ è che quello che più mi ha fatto arrabbiare è che la prima settimana mio padre ha lavorato senza dispositivi di sicurezza e per questo ho fatto post».

simone_riccioni_diretta

Simone Riccioni durante la diretta Instagram

Come stai vivendo questo periodo?
«Noi del mondo dello spettacolo siamo particolarmente in difficoltà. Noi che lavoriamo a partita Iva è un po’ un problema. Poi non credo che la recitazione si possa fare in modo alternativo, è importante essere presenti»

Come è nata l’idea della scuola di recitazione?
«Dopo l’esperienza. Abbiamo dei docenti molto preparati Samuele Sbrighi e Paola Boschi. Io do una mano. Abbiamo 40 studenti. Sto aprendo il terzo corso. Sto trovando ragazzi con tanto talento e tanta passione. Lavoriamo un week end al mese per 5 mesi. E’ un modo per evitare a tanti bravi ragazzi le fregature che ho preso io all’inizio della mia carriera»

Anticipazioni sul nuovo film?
«Non si può dire nulla, solo che il regista è Simone Corallini di Osimo. Stiamo cercando le zone di montagna, vorrei girare ad Ascoli, Sarnano, Sassotetto e Monte Bove».

Fotografare la quarantena: la poesia dei “Ritratti isolati”

Aldo Ascani, dj in salone Un gruppo Whatsapp come discoteca «La musica è il mio rifugio»

L’avvocato si riscopre chef: «La mia quarantena tra i fornelli» E Parcaroli “reinventa” Vere Italie

Dagli artigiani costretti a fermarsi ai professionisti al lavoro: «In città un silenzio inquietante»

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X