Scossa e una ventina di repliche in 2 ore:
controlli nelle scuole, treni sospesi
Ad Ancona danni e gente in pigiama in strada

TERREMOTO - In provincia non sono stati segnalati danni, ma sono in corso gli accertamenti in vari edifici pubblici. A Macerata aperto il Coc, coordinato dall'assessore Paolo Renna: «Situazione tranquilla, abbiamo 4 squadre che andranno negli istituti per le verifiche». Nel capoluogo dorico chiusa Villa Igea, caduti calcinacci in stazione. Traffico ferroviario sospeso tra Rimini e Varano e Falconara e Jesi (la riattivazione è prevista alle 12). Il commento del presidente dei geologi Farabollini: «Non è colpa delle trivellazioni»
- caricamento letture

9fb0e2d3-1235-42fe-a294-b7617368e936-e1667979757138

Calcinacci caduti in stazione ad Ancona

di Gianluca Ginella

La provincia si è svegliata con l’incubo terremoto questa mattina. Le case hanno ballato per diversi secondi alle 7,07. Qualcuno era ancora a letto, altri si erano alzati da poco quando è arrivata la scossa che ha riportato alla mente l’incubo del 2016 quando tre terremoti hanno flagellato il centro Italia e i cui danni ancora sono vivi nella nostra provincia dove tanti sono in attesa che la ricostruzione da diesel passi a turbo. La scossa delle 7,07, di magnitudo 5.5 (in un primo momento l’Ingv aveva indicato 5.7) è avvenuta in mare, di fronte alle coste del Pesarese. Proprio la posizione del sisma ha fatto sì che fosse percepito maggiormente sul litorale.

stazione-ancona-danni-terremoto-1-e1667979806151-430x650A Civitanova si è sentito fortissimo, lo stesso ad Ancona dove si sono registrati anche danni. In particolare alla stazione e a Villa Igea, questi al momento quelli segnalati mentre le verifiche da parte dei tecnici dei comuni sono in corso. La prima scossa, da 5.5, registrata a 8 chilometri di profondità in mare all’incirca di fronte a Fano e sentita a centinaia di chilometri di distanza, da Roma a Venezia, è stata seguita da una serie di altre scosse. Alle 7,12, sempre nel Pesarese, c’è stata una scossa di 4.0, poi seguita da una da 3.1 (7,15), 3.4 (7,16), 2.5 (alle 7,19), 2.5 (alle 7,23). Poi alle 7,26, questa volta localizzata in mare nella provincia di Ancona, si è registrata una scossa di 2.7 seguita alle 7,29 da un secondo movimento tellurico da 2.4 anche questo nella provincia dorica. Poi altre due scosse, di nuovo nel Pesarese: 2.6 (alle 7,32) e 2.4 (alle 7,35), seguita alle 7,40 da una di 3.8. Sono poi seguite altre 13 scosse (questo fino alle 8,33). Di queste la più forte è stata di 3.7 alle 7,58.

In provincia di Macerata al momento non sono stati segnalati danni e al centralino dei vigili del fuoco non sono arrivate richieste di soccorso.

scuole-chiuse-civitanova2-650x488

Una scuola chiusa a Civitanova questa mattina

Sono comunque in corso le verifiche da parte dei comuni all’interno delle scuole e degli edifici pubblici per accertare se ci siano stati danni.

A Macerata è stato aperto il Coc, coordinato dall’assessore alla Protezione civile Paolo Renna. «Sto andando in prefettura (9,30, ndr) per una riunione che è stata convocata poco fa – dice l’assessore Renna -, al Centro operativo comunale c’è un volontario di Protezione civile che risponde alle telefonate. Ci sono 4 squadre di tecnici che andranno nelle scuole per verificare se ci sono stati danni. Al momento la situazione è tranquilla, non abbiamo avuto segnalazioni di danni. Ho sentito anche il 118 e non hanno segnalazioni di malori dovuti al terremoto, per fortuna». Il sindaco Sandro Parcaroli alle 9,15 stava per prendere parte al Cor (Comitato operativo regionale). Parcaroli è anche presidente della Provincia. Al momento sono undici i tecnici della Provincia, divisi in diverse squadre, che stanno svolgendo dei sopralluoghi negli istituti superiori. Al momento nessun danno.

ANCONA – Danni che ci sono stati ad Ancona con calcinacci che sono caduti in stazione, su scale dei sottopassaggi e lungo i marciapiedi di sosta per l’attesa dei treni. Villa Igea è stata chiusa in via precauzionale e sono in corso gli accertamenti da parte dei tecnici sui vari edifici pubblici. Diverse persone, spaventate, sono uscite in strada in pigiama.

Altri problemi si sono registrati per ascensori che si sono bloccati. Nei supermercati la merce è caduta dagli scaffali, e a terra il personale andato al lavoro questa mattina ha trovato a terra anche bottiglie rotte.

sisma-supermercato-bottiglie

Bottiglie rotte in un supermercato di Ancona

Nell’Anconetano questa mattina sono già state numerose le chiamate ai vigili del fuoco per segnalare danni e crepe.

FARABOLLINI – Il presidente dei geologi delle Marche, Piero Farabollini, ha commentato: «La scossa è avvenuta in mare e questo si può dire che è una fortuna perché il risentimento che si ha nelle zone costiere è molto più blando rispetto all’entroterra. Tuttavia una scossa molto importante, stanno già attivando delle segnalazioni di danno con crepe sugli edifici in particolare su qualcuno più vetusto che è stato evacuato, per ora la situazione sembra abbastanza tranquilla. Le trivellazini in mare? Mi sento di dire che non c’è nessuna correlazione. La semplice trivellazione non dà eventi di questo tipo, una magnitudo così forte è impensabile possa essere legata alle trivellazioni».

danni-sisma-anconaSCUOLE – Nel frattempo diversi comuni della provincia hanno deciso di chiudere le scuole, a partire da Macerata e Civitanova. Lo scopo è precauzionale, saranno fatte verifiche all’interno dei vari istituti per accertare se vi siano stati danni. Chiuse le scuole anche in altri centri: Porto Recanati, Montecassiano, Morrovalle, San Ginesio, Recanati, Appignano, Monte San Giusto, Matelica.

TRENI – Il traffico è sospeso tra Rimini e Varano e Falconara e Jesi, dove sono in corso gli interventi dei tecnici. La riattivazione è prevista dal gestore della rete ferroviaria nazionale per le 12. Questo dice una nota delle ferrovie. In cui si spiega che i treni ad alta velocità, gli intercity e i regionali «possono subire cancellazioni, limitazioni di percorso e registrare un maggior tempo di percorrenza fino a 240 minuti. Il treno FR 8806 Pescara (delle 6) – Milano Centrale (10,54) è fermo dalle 7,10 a Camerano. Il treno FB 8851 Ravenna (6,15) – Roma Termini (10,57) è fermo dalle 7,23 a Fano. Il treno InterCity 603 Bologna Centrale (delle 8) – Lecce (16,51) oggi è cancellato. I passeggeri possono utilizzare i primi treni utili a cura del personale di Assistenza clienti di Trenitalia. Il treno InterCity 610 Lecce (8,20) – Bologna Centrale (17) oggi è cancellato».

 

Scossa in mare aperto: magnitudo 5.5 Da Macerata a Civitanova: «Scuole chiuse»

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X