Elezioni regionali - risultati in tempo reale

Il messaggio dei vescovi delle Marche:
«Proseguire impegno su Covid e sisma
Politiche per lavoro, famiglia e welfare»

REGIONALI 2020 - In vista delle elezioni hanno analizzato quelle che ritengono alcune delle priorità, tra queste una minore burocrazia per far partire la ricostruzione, ma anche infrastrutture per far uscire la regione dall'isolamento e rilanciare il turismo, e il sistema sanitario che deve rimanere vicino alle piccole comunità
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Un supplemento d’impegno per fronteggiare Coronavirus e ricostruzione, con la necessità di ridurre la burocrazia per ridare slancio ai territori colpiti dal sisma, e poi politiche per il lavoro, la famiglia che torni al centro della vita sociale, e la sanità che non può prescindere dalla sua presenza nelle piccole comunità. I vescovi delle Marche lanciano il loro messaggio in vista delle elezioni regionali del 20 e 21 settembre. E lo fanno con una premessa: «non intendiamo assolutamente dare indicazioni pro o contro i vari schieramenti politici o partitici scesi in campo, ma semplicemente condividere con tutta la comunità alcune riflessioni orientate a promuovere il bene comune del nostro territorio». Fatta questa premessa, i vescovi scrivono: «Innanzitutto ci sentiamo di esprimere viva gratitudine all’amministrazione uscente per l’impegno profuso nell’affrontare situazioni oggettivamente difficili ed inedite in cui la nostra Regione si è venuta a trovare. Nel contempo formuliamo gli auguri di proficuo lavoro ai futuri amministratori, sottolineando che come pastori solleciti, cosa che sempre è avvenuta, ci rendiamo disponibili ad una fattiva collaborazione con chiunque assumerà la guida della Regione». I vescovi delle Marche continuano: «Non ci sembra superfluo ribadire che la politica va vissuta come esperienza di servizio alla società intera».

RICOSTRUZIONE E CORONAVIRUS – In particolare i vescovi rivolgono una richiesta a chi guiderà la Regione: «un supplemento di impegno, di responsabilità e di generosità, anche a motivo di due emergenze che hanno colpito il nostro territorio e lo hanno duramente provato: il terremoto ed il coronavirus. Realtà queste con cui è necessario fare i conti e che toccano direttamente la vita delle persone». Poi i vescovi segnalano «alla comunità ed alla politica alcune priorità che riteniamo irrinunciabili, pur coscienti che altre tematiche meriterebbero la dovuta attenzione. A nessuno sfugge che le Marche hanno bisogno di una ricostruzione che prima di essere materiale, è spirituale e morale. Nel dopo terremoto la gente ha bisogno di ritrovare la fiducia e la speranza, anche attraverso una diversa relazione con la politica e con le istituzioni chiamate ad operare concretamente. Al riguardo chiediamo che i processi di ricostruzione materiale che riguardano anche le chiese e le strutture pastorali, siano alleggeriti, snelliti e velocizzati. Avvertiamo sempre più la necessità di una sburocratizzazione perché le nostre comunità tornino a vivere».

LA FAMIGLIA AL CENTRO – Poi, continuano, «segnaliamo un’altra “ricostruzione” urgente: quella della famiglia, prima e vera cellula generativa della società. Si sente il bisogno di una politica che metta al centro della vita sociale la famiglia con scelte precise. Non possiamo dimenticare che la nostra Regione soffre pesantemente il duplice fenomeno della elevata anzianità e della denatalità, a cui si aggiunge un preoccupante esodo di giovani che sono costretti a creare famiglia altrove. Stiamo vivendo un notevole impoverimento del nostro territorio che condiziona fin da ora il suo futuro».

DISOCCUPAZIONE – Altro aspetto riguarda il mondo del lavoro: «segnato da un alto tasso di disoccupazione in continuo aumento. Stiamo assistendo ad una crescita delle vecchie e nuove povertà. Occorre prendere atto di ciò ed intervenire creando le condizioni adatte per poter risolvere il mortificante e preoccupante fenomeno della mancanza di lavoro. L’impresa marchigiana, come anche l’agricoltura e l’artigianato, che nel passato ha costituito un modello di sviluppo varcando i confini regionali e nazionali, è in crisi. Nelle nuove condizioni storiche che stiamo vivendo, appare opportuno per la nostra Regione elaborare un progetto di sviluppo sostenibile ed integrale con nuovi posti di lavoro e che faccia leva su quel capitale umano tipicamente marchigiano fatto di tanta onestà, laboriosità e creatività. E’ anche con questa prospettiva che va affrontato il problema dello spopolamento dell’entroterra dovuto al sisma e che sta depauperando un originale patrimonio di valori etici, culturali, storici ed artistici».

SCUOLA – Altra priorità, secondo i vescovi, è quella della formazione scolastica e universitaria: «Le Marche al riguardo hanno una grande ed apprezzata tradizione. Il compito odierno della politica è quello di provvedere ad un continuo rinnovamento ed implemento. In questo contesto evidenziamo anche la necessità di sostenere le scuole paritarie che offrono un prezioso servizio pubblico».

WELFARE – «E’ necessario che la politica rinnovi un adeguato investimento al riguardo e che ripensi il modello di welfare della nostra Regione. Occorre non solo potenziare la capacità di intervento degli enti pubblici ma anche orientare le risorse in direzione della valorizzazione della società civile, sostenendo iniziative di volontariato, di imprese sociali no profit di cui il territorio, anche in forza della vivace tradizione cristiana, è particolarmente ricco».

SANITA’ – Un capitolo, questo che secondo i vescovi merita una particolare attenzione. «A nessuno sfugge la necessità ed anche l’urgenza di un progetto di razionalizzazione teso ad ottimizzare prestazione e costi dei servizi resi alla popolazione. Non si può dimenticare tuttavia che le Marche sono un territorio plurale, disseminato di piccole comunità di cui il sistema sanitario deve tener conto per una efficace prossimità. Una precisa attenzione tesa a conciliare le due esigenze contribuisce ad evitare lo spopolamento di tante e vivaci comunità».

INFRASTRUTTURE – «A tutto ciò va aggiunto anche un impegno teso a creare o a completare la rete delle infrastrutture. La nostra Regione risente di un isolamento che da tempo la sta condizionando a livello produttivo, commerciale, culturale e turistico. A proposito di turismo va constatato che la nostra Regione dispone di un originale e formidabile patrimonio naturale, storico ed artistico che chiede di essere sempre più valorizzato».

IL MESSAGGIO – «L’augurio con cui vogliamo concludere questa nota è quello che la politica trovi un rinnovato dinamismo per rispondere alle sfide del nostro territorio e che sia in grado di dare un promettente futuro alla nostra Regione. In tale contesto auguriamo anche che il prossimo appuntamento elettorale possa essere fortemente partecipato, poiché siamo convinti che ogni cittadino è chiamato, secondo le proprie responsabilità, a costruire il futuro della comunità. In questo spirito di responsabilità e di impegno, ricordiamo che le Marche sono state chiamate il prossimo 4 ottobre, a offrire l’olio per alimentare la lampada che arde davanti alla tomba di san Francesco d’Assisi, patrono d’Italia ed esempio di vera umanità in cui tutta la Nazione si riconosce. L’olio della lampada alimenti in noi quella luce interiore di cui tutti abbiamo bisogno per essere costruttori di quella casa comune e di quella cultura della fraternità a cui Papa Francesco ci sta ripetutamente invitando».

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X