«Rimborsi Invitalia ai più veloci:
«Hanno vinto gli Usain Bolt della tastiera
o i robot automatici?»

BANDO - Cna segnala l'anomalia della procedura per l'ammissione delle domande a "Impresa Sicura"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

foto-Ramadori-Luciano-1-1-325x250

Luciano Ramadori, direttore Cna Macerata

 

«I pochi beneficiari non sono gli Usain Bolt della tastiera ma sembra che più probabilmente abbiano usato Bot, abbreviazione di robot usata nel gergo informatico per indicare i compilatori automatici. Una tecnologia non certo alla portata delle piccole imprese, che è lecito pensare fossero anche quelle più bisognose di ricevere un aiuto economico». E’ il direttore Cna Macerata Luciano Ramadori ad affermare che «c’è un sistema informatico, e non solo la velocità umana dietro all’assegnazione alle imprese dei rimborsi, previsti dal bando “Impresa Sicura” di Invitalia, per le spese sostenute per l’acquisto di dispositivi di protezione». Si tratta di «Cinquanta milioni di euro spariti in un secondo e 0,4 centesimi. In un battito di ciglio sono stati assegnati tutti i fondi – sottolinea Cna in una nota -. Più che un click day, quello dell’11 maggio è stato un “instant click” da primatisti della velocità, dotati di una connessione internet dai 5G in su. Sarebbero stati necessari 1,2 miliardi per le 240mila domande pervenute ma solo le prime 3.150, pari all’1,3%, riusciranno ad accedere al rimborso; per la precisione, quelle che hanno presentato domanda dalle ore 9.00.00.000237 alle ore 9.00.01.046749». Ramadori specifica: «Eppure nella regolamentazione del bando era espressamente vietato usare compilatori automatici. La prova del misfatto sarebbe la richiesta del codice captcha (un test con serie alfanumeriche da digitare) posta alla fine della domanda, già solo questo richiede abbondantemente più di un secondo. Non è questione di velocità umana, solo il compilatore automatico riesce a terminare l’operazione in pochi centesimi di secondo. Invitalia, qualora sia confermata questa ipotesi, dovrebbe escludere queste aziende e rifinanziare il bando con altri fondi». L’auspicio di Cna è che non si faccia più ricorso al click day: «Questo criterio di ripartizione, oltre che ingiusto, è particolarmente antipatico. Non vogliamo mai più sentirne parlare, non è accettabile mettere al primo posto la dotazione tecnologica, o meglio la furbizia, di un’azienda rispetto al suo reale bisogno economico». L’attenzione delle imprese si sposta ora all’annunciato bando regionale che a breve dovrebbe finanziare gli stessi dispositivi di sicurezza: «Siamo certi che la Regione Marche non adotterà questo criterio  – conclude Cna – e che vorrà preferire le categorie ed i settori più colpiti dalla crisi. Un minimo di valutazione delle domande va fatta, non può essere un pc a destinare fondi, al di fuori di Lottomatica».

 

Mascherine, rimborsi alle imprese: quando un secondo fa la differenza

«Bando Impresa Sicura, dotazione inadeguata: ennesima illusione per le aziende»

Mascherine, rimborsi alle imprese: sarà un altro click day

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X