Mercato verso il trasloco,
tra cantieri e pista di pattinaggio

MACERATA - L'idea è di portare, in blocco, le bancarelle fuori dal centro. In corso riunioni tra Comune e associazioni. Iniziati i lavori per la manutenzione straordinaria della pavimentazione stradale in pietra arenaria e in porfido
- caricamento letture

mercato-bancarelle

 

di Mauro Giustozzi

Trasloca fuori dal centro storico il mercato settimanale del mercoledì. L’avvio di molti cantieri in città, che in particolare riguardano la pavimentazione stradale, uniti a quelli già attivi della ricostruzione, l’arrivo degli eventi natalizi, con su tutti il montaggio della pista di pattinaggio su ghiaccio in piazza della Libertà che con tutta probabilità sarà aperta dal 3 dicembre, data in cui dovrebbero aprirsi gli eventi per le festività natalizie ha portato ad una valutazione l’amministrazione comunale e le associazioni di categoria per uno spostamento di tutte le bancarelle del mercato e non di una sola parte di esse.

La decisione non è ancora stata ufficializzata nei particolari ma in questi giorni sono costanti gli incontri tra l’ufficio Attività produttive del Comune, le varie associazione dei commercianti e gli ambulanti per individuare una sede alternativa da destinare alle bancarelle per questo periodo e almeno fino a gennaio quando i lavori più impattanti dovrebbero concludersi.

In una prima fase l’ipotesi al vaglio era quella di spostare solamente quegli ambulanti posizionati nelle strade interessate dai lavori, in particolare via Gramsci e piazza Battisti, ma poi sembra che a prevalere sia stata l’idea di non frazionare ulteriormente il mercato settimanale e da parte di tutti coloro che sono interessati da questa novità ci sia stata una decisione concordata di spostare tutto il mercato, soluzione migliore piuttosto che far traslocare solo una parte delle bancarelle. I dettagli tecnici dello spostamento verranno decisi nei prossimi giorni attraverso valutazioni che l’ufficio Attività produttive farà con gli stessi ambulanti su dove delocalizzare il mercato del mercoledì.

I lavori in città si sono avviati il 4 novembre per la manutenzione straordinaria della pavimentazione stradale in pietra arenaria e in porfido del centro storico nel tratto tra largo Amendola, via Gramsci e via XX Settembre fino all’intersezione con via Domenico Ricci. L’opera consiste nel sistemare le zone che hanno evidenziato scollamenti e distacchi. Per questo motivo sono stati attuati una serie di obblighi e divieti su via XX Settembre, tratto da piazza Oberdan a via Domenico Ricci, con divieto di transito eccetto pedoni su apposito percorso e divieto di sosta, su largo Amendola con divieto di transito in via Gramsci, eccetto residenti, mezzi servizio postale, forze dell’ordine e carico scarico.

Su via Gramsci divieto di transito, eccetto residenti, mezzi servizio postale, forze dell’ordine e carico scarico, istituzione di sosta per i veicoli in modo parallelo all’asse stradale verso il loggiato di Palazzo degli studi. Sospeso il controllo elettronico dell’accesso all’area pedonale urbana di corso Matteotti che sarà utilizzata per il deflusso del traffico veicolare in transito nel centro storico.

Marchiori_Giunta_FF-2-650x434

L’assessore Andrea Marchiori

«I lavori sono iniziati all’altezza della caserma dei carabinieri in via XX Settembre – afferma l’assessore comunale ai Lavori pubblici, Andrea Marchiori – da cui risaliremo fino a piazza della Libertà. L’intervento ha un valore di 60 mila euro finanziato con fondi ministeriali. Il cantiere opererà sino all’8 dicembre quando si interromperà e riprenderà dopo le festività natalizie. Si tratta del primo stralcio di una serie di lavori che interesserà l’intero centro storico».

Altri interventi riguarderanno successivamente via Don Minzoni, Rampa Zara e infine via Santa Maria della Porta dove i lavori di sistemazione saranno consoni alla pavimentazione esistente e soprattutto dovrà essere rifatto anche il sottofondo stradale in quanto in diversi punti ci sono dei cedimenti che devono essere sistemati. Viste le ridotte dimensioni e la collocazione della via, i lavori dovranno essere effettuati prima nel tratto a salire e poi quello a scendere, utilizzando anche la vicina via Padre Matteo Ricci per consentire uno sbocco al traffico veicolare. Su via Santa Maria della Porta si prevede ad inizio 2023 l’apertura del cantiere. 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X