Sborgia con i suoi candidati:
«Sacrificati interessi personali
per riavere una città viva»

ELEZIONI CAMERINO - Ciascun membro della lista ha avuto modo di presentarsi e illustrare parte del programma. Il candidato sindaco: «Oggi siamo qui con gli stessi sentimenti di tre anni fa, ovvero il desiderio di metterci a servizio della comunità. Non ci abbiamo guadagnato nulla ma anzi siamo stati al centro di contraddizioni e tensioni»
- caricamento letture

 

image1-325x244

Sandro Sborgia alla presentazione della lista

Presentata ieri sera, nella pizzeria DQuadro, la lista Ripartiamo – Sandro Sborgia Sindaco. In apertura, Sandro Sborgia ha espresso la propria gratitudine ai componenti della lista che «hanno accettato senza esitazione. Oggi siamo qui con gli stessi sentimenti di tre anni fa, ovvero il desiderio di metterci a servizio della comunità. Non ci abbiamo guadagnato nulla ma anzi siamo stati al centro di contraddizioni e tensioni. Abbiamo sacrificato interessi personali, le nostre famiglie, per quel progetto che sta iniziando a prendere forma di riavere una città viva, un centro storico pieno di rumori».

image2-325x244Dopo queste poche parole, ciascun membro della lista ha avuto modo di presentarsi e illustrare parte del programma.

Il primo è stato Gionata Bentivoglio, a cui è stato affidato il compito di parlare di alcuni progetti di valorizzazione come quello del tratto sotto le mura dove «saranno creati percorsi pedonali e installate attrezzature per fare sport all’aria aperta. In tutti i parchi cittadini vogliamo creare percorsi sensoriali e progettiamo di recuperare anche i giardini della Rocca, la zona delle Gagge, e valorizzare tutti i quartieri della città».

image0-325x244Alberto Cavallaro ha invece raccontato del lavoro da fare per «la creazione di zone a fiscalità agevolata, che è uno strumento per resistere alle difficoltà evidenti del nostro territorio. Abbiamo poi intenzione di lottare per il mantenimento dei servizi, come già stavamo facendo prima dello scioglimento, e attrarre famiglie, professionisti e imprese in tutta la zona maggiormente colpita dalla crisi sismica del 2016. Voglio sottolineare l’importanza di accostare alla ricostruzione fisica della città quella della ricostruzione economica e sociale di Camerino e di tutto il territorio. L’impegno sarò inoltre rivolto, insieme a tutta la squadra, a lottare per il mantenimento e il potenziamento dei servizi presenti sul territorio e il ripristino di quelli soppressi. Ciò per garantire ai giovani le possibilità di poter sviluppare le loro potenzialità di studio, di lavoro e di socializzazione, e alle persone anziane di poter contare sui servizi di mobilità e assistenza necessarie a garantire la vivibilità dei nostri luoghi».

Roberta Fattoretti, ingegnere civile e istruttore direttivo tecnico della provincia di Macerata da più di venti anni si è detta «pronta a mettere a disposizione le competenze trasversali che ho acquisito per riuscire a superare le problematiche tecnico-amministrative della ricostruzione anche in un’ottica green».

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =