Sfiducia al sindaco di Camerino,
«Arriva in un momento delicatissimo
Gli assessori potevano solo dimettersi»

CAMERINO - Il consigliere Luca Marassi critico per la decisione dei suoi colleghi: «Mi rattrista pensare che nei prossimi mesi invece di lavorare sulle urgenze e le questioni importanti tutte le energie verranno sprecate in una evitabile campagna elettorale. Tutti i miei auguri al commissario prefettizio per il gran lavoro che dovrà fare e le responsabilità che gli sono state delegate»
- caricamento letture

 

marassi

Luca Marassi

 

di Monia Orazi

Sfiducia al sindaco di Camerino Sandro Sborgia e dimissioni di sette consiglieri, a rispondere per l’ormai ex maggioranza è il consigliere comunale Luca Marassi, delegato alle attività di ricostruzione.
«Nel comunicato congiunto dei gruppi consiliari “Radici al futuro” e “Per Camerino”, i consiglieri dimissionari affermano che l’aver consegnato la città di Camerino ad un commissario prefettizio per un periodo di 5-8 mesi, dipende da quando il governo fisserà le elezioni amministrative ricordando che nel 2021 fu a settembre, sia stato un atto di “grande responsabilità” – scrive il consigliere comunale di Camerino RipartiAmo Luca Marassi -. Tutti i miei auguri al commissario prefettizio per il gran lavoro che dovrà fare e le responsabilità che (ahimè) gli sono state delegate, mi metto a sua disposizione se lo vorrà, come lo sono sempre stato per la mia città. Tantissimi auguri soprattutto a Camerino e ai miei concittadini, nella speranza che questa crisi duri il meno tempo possibile e che i sui effetti non siano devastanti come potrebbero. Infine mi sento di suggerire ai miei ex colleghi consiglieri che hanno fuso i loro gruppi, un nome per la loro prossima lista elettorale ”I Responsabili”».

sborgia

Il sindaco Sandro Sborgia

Nella sua riflessione poi Marassi tocca una serie di aspetti messi a rischio dall’arrivo del commissario prefettizio: «Elencare entro il 28 febbraio quali edifici non hanno ostacoli nella presentazione dei progetti e quali sì; decidere chi in centro storico potrà partire con la ricostruzione a breve e chi tra 5 anni; l’interlocuzione con i vertici di Terna e Legnini per l’interramento dell’elettrodotto di Vallicelle che consentirebbe di sbloccare la ricostruzione dei palazzi sottostanti; rimandare di ulteriori almeno 6 mesi il processo di approvazione dei piani attuativi, la scelta dei progetti da presentare per il Pnrr sisma e nazionale, interloquire con Unicam per l’individuazione dell’area dove realizzare il centro di ricerca finanziato dal Pnrr e di avviare le relative pratiche per la variante urbanistica necessaria, il completamento del progetto di rilancio socio economico della città in fase di redazione con Unicam e l’aggiornamento del Psr, le continue interlocuzioni con Legnini per i progetti contenuti nell’ordinanza speciale. Potrei continuare con altri punti inerenti l’ospedale, il carcere, la scuola Betti che non parte a causa della scellerata scelta fatta dall’amministrazione Pasqui di aderire allora all’ordinanza 14 e di scegliere dove realizzarla, ma non voglio tediare ulteriormente». Conclude il consigliere comunale: «La decisione di far cadere il consiglio comunale in questo delicatissimo periodo storico dove si dovranno fare delle scelte importanti per Camerino mi sembra proprio un atto di “grande responsabilità” complimenti – ironizza Marassi – se non si era d’accordo con la giunta o con il sindaco, non sarebbe stato più responsabile dimettersi semplicemente dalla carica di assessori? Affrontare la situazione in maniera più matura e aperta? Pensare che nei prossimi mesi invece di lavorare sulle urgenze e sulle questioni importanti che riguardano la città, tutte le energie verranno sprecate in una evitabile campagna elettorale, mi rattrista immensamente. Ma la politica è questa. Chi come me credeva che nella situazione drammatica in cui verte Camerino si sarebbero messi da parte personalismi o interessi di partito per porsi al servizio della città, ha avuto oggi un triste risveglio».

Una variante urbanistica, l’ultima goccia che ha fatto cadere l’amministrazione del sindaco Sborgia

Camerino, sette consiglieri si dimettono e sfiduciano il sindaco Sborgia «Accentra su di sé ogni decisione»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X