Salta il Consiglio comunale
Silenzi sul caso del fuori onda
«Ciarapica e Morresi vanno sfiduciati»

CIVITANOVA - In una situazione politica incandescente, la maggioranza non è riuscita a garantire il numero legale. Il presidente dell'assise dà la colpa anche al Covid. Il capogruppo dem sposta l'attenzione sulla questione del giorno: «Vedere quel trio parlare in quella maniera di incarichi ben retribuiti a esponenti dello stesso partito, è qualcosa di sconvolgente»
- caricamento letture
consiglio-comunale-aprile-2022-saltato-civitanova-FDM-2-650x488

Il Consiglio comunale di ieri sera è saltato (Foto De Marco)

Per l’ennesima volta a Civitanova salta il Consiglio perché la maggioranza non è riuscita a garantire il numero legale. E dopo il caso del video fuori onda, il capogruppo dem Giulio Silenzi chiede di sfiduciare il sindaco Fabrizio Ciarapica e il presidente del Consiglio Claudio Morresi. La seduta era prevista ieri sera alle 21, ma a causa delle troppe assenze – per la maggioranza erano presenti solo 10 consiglieri più il sindaco, quindi ne sarebbero serviti almeno altri due – è stata rinviata. Eppure tra le altre cose all’ordine del giorno c’era l’approvazione della variante Ceccotti, un atto urbanistico molto importante che attende di essere completato da anni e arrivato “come da tradizione” a fine mandato. Insomma si aggiunge benzina sul fuoco ad una situazione politica già incandescente, dopo il caso che ha travolto il sindaco Fabrizio Ciarapica, il presidente del Consiglio Claudio Morresi e il segretario Sergio Morosi nel video fuori onda del post Consiglio mostrato dalla coalizione della candidata sindaca Silvia Squadroni.

consiglio-comunale-aprile-2022-saltato-civitanova-FDM-1-325x204«Diversi consiglieri – ha spiegato ieri sera  Morresi ai presenti – hanno comunicato all’ultimo minuto problemi di salute, qualcuno con il Covid. Cercheremo di riconvocarlo prima possibile». E tra i presenti c’era proprio Giulio Silenzi, che attacca. «E’ evidente – dice – che c’è una maggioranza in disfacimento al di là delle favole che racconta Ciarapica. Ma oggi si pone un tema più importante dopo il caso del video fuori onda: quello della sfiducia del sindaco e del presidente del Consiglio.  Questo mercimonio è qualcosa che si sapeva, però a vedere quelle modalità, quel trio parlare in quella maniera di incarichi ben retribuiti a esponenti dello stesso partito, è qualcosa di sconvolgente. Tra l’altro era stato proprio Ciarapica a dire e a scrivere che avrebbe istituito un Albo dei professionisti per sottrarre incarichi alla politica e darli solo in base al merito». In particolare, il capogruppo dem si riferisce al passaggio del video in cui si sente il sindaco vantarsi di aver sponsorizzato il suo collega di partito Corrado Perugini per un incarico tecnico nel progetto che ha riguardato l’ex liceo scientifico a Fontespina, dove oggi è sorto un nuovo supermercato.

Ad ogni modo, stamattina è stata riconvocata una conferenza dei capigruppo per stabilire data e ordine del giorno del nuovo consiglio. «Nella lettera che hanno inviato stanotte – spiega Silenzi – si parla di seconda convocazione, ma in realtà nella prima convocazione la possibilità di una seconda convocazione non era indicata. Quindi probabilmente proveranno ad aggirare il regolamento, perché in seconda convocazione bastano otto consiglieri per avere il numero legale».

(redazione Cm)

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni =