Porfiri: «Mi candido
e sosterrò Giuliana Giampaoli»

ELEZIONI - Il consigliere d'opposizione mette a tacere i rumors: «Sono stato assente alle ultime sedute del Consiglio per motivi di lavoro. Avevo pensato di non ricandidarmi ma dopo la richiesta di tanti cittadini ho deciso di correre con Cambiamo Corridonia»
- caricamento letture

 

PHOTO-2022-04-06-19-25-37-e1649334679647

Matteo Porfiri

 

di Giulia Sancricca

Porfiri si ricandiderà e lo farà con la lista delle minoranze. A smentire l’ipotesi aleggiata negli ultimi giorni su un suo possibile passo indietro in vista delle prossime elezioni è lo stesso consigliere d’opposizione, che in una nota mette a tacere ogni rumors.

«Sono orgoglioso di essere il capogruppo di Corridonia Futura – esordisce – , con i colleghi degli altri gruppi di minoranza c’è massima sintonia. Il nostro lavoro in questi cinque anni è stato importante, ci ha unito ed ora abbiamo un gruppo compatto che si presenta come favorito alle prossime elezioni».
Ad alimentare le ipotesi di una sua uscita dal gruppo erano state le assenze alle ultime sedute consiliari, ma Porfiri precisa che «per motivi di lavoro non ho potuto partecipare a qualche seduta consiliare, ma ho sempre avvisato il presidente del consiglio con massima serietà. Ho grande stima per Giuliana Giampaoli penso che sarà un ottimo sindaco».
Da qui l’impegno a candidarsi per il prossimo appuntamento alle urne.

GiulianaGiampaoli_FF-6-325x217

Giuliana Giampaoli

«Inizialmente avevo valutato l’idea di non ricandidarmi – ammette – a causa dei numerosi impegni di lavoro. Visto il sostengo e le numerose richieste ricevute da parte di tanti concittadini, ho deciso di impegnarmi di nuovo. Sono stato presente alla presentazione di Giuliana Giampaoli e parteciperò come candidato nella lista civica “Cambiamo Corridonia”».
Nessuna smentita, invece, ma solo un «no comment» da parte del consigliere di maggioranza Matteo Vecchietti che le indiscrezioni vedrebbero già fuori dal gruppo di Cartechini e sempre più vicino a quello misto. Una scelta che potrebbe mettere a repentaglio l’approvazione del bilancio di previsione per il quale la scadenza è prevista entro il prossimo 31 maggio. Se la maggioranza dovesse davvero restare con un numero in meno rispetto all’opposizione ed il bilancio venisse bocciato, il prefetto potrebbe nominare un commissario ad acta per l’approvazione del documento.

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X