Parrucchieri ed estetisti da Acquaroli
«Almeno in zona arancione
i clienti possano arrivare da altri comuni»

INCONTRO - Una delegazione di Confartigianato è stata ricevuta dal presidente della Regione che si è detto disponibile a trovare una soluzione appena le Marche saranno fuori dalla zona rossa
- caricamento letture
incontro

L’incontro del presidente Acquaroli con la delegazione di Confartigianato

Troppi giorni di chiusura, ristori insufficienti e restrizioni stanno mettendo in ginocchio le attività di parrucchieri e centri di estetica. Una delegazione di Confartigianato Marche guidata da presidente e Segretario regionali Giuseppe Mazzarella e Giorgio Cippitelli composta dal presidente del settore benessere Daniele Zucchini, la responsabile Barbara Tacconelli, Luca Bocchino e Luca Casagrande responsabile sviluppo economico e responsabile della categoria benessere di Confartigianato Ancona – Pesaro e Urbino, hanno incontrato il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli per cercare di trovare una soluzione e permettere alle imprese di riaprire ed insieme hanno esaminato il “ caso della Regione Abruzzo”.

«Una categoria che ha sempre applicato le regole – scrive Confartigianato –  con la massima diligenza ed ha rispettato tutte le misure e i protocolli previsti per offrire ai propri clienti le migliori garanzie di sicurezza. Addirittura i primi protocolli in Italia sono stati ideati, sperimentati ed applicati nelle Marche a partire dallo scorso maggio. Fermo restando, hanno ribadito i rappresentanti di Confartigianato, la convinzione che queste attività possano svolgersi sempre anche nelle zone rosse e che debbano essere considerate “essenziali”, Confartigianato Benessere ha chiesto la possibilità di essere raggiunti da altri Comuni quando è in vigore la zona arancione. Il presidente Francesco Acquaroli si è detto disponibile a trovare una soluzione per il settore del benessere, non appena la Regione Marche uscirà dalla zona rossa, nell’interesse delle imprese, del tessuto produttivo, dell’economia, dei cittadini, prendendo l’impegno di approfondire la questione nella Conferenza delle Regioni per trovare la sostenibilità giuridica ad una necessità economica».

«Parrucchieri ed estetiste: chiusure ingiustificate, vogliamo continuare a lavorare»


Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X