Impianti sciistici, le Regioni:
«Riapertura in zona gialla
e con rispetto prescrizioni»

LA PROPOSTA scaturita al termine della conferenza a cui ha partecipato per le Marche l'assessore Castelli: «Chiediamo con forza che sia valutata come appropriata»
- caricamento letture

 

neve-bolognola-sassotetto

 

Impianti sciistici, l’assessore Guido Castelli ha partecipato alla conferenza delle Regioni e dichiara: «Abbiamo licenziato alcune integrazioni a un documento preparato dal Cts per le linee guida in materia di impianti scioviari, che sono state poi approvate. La posizione prevalente è che possano essere riaperti gli impianti sciistici delle regioni che sono in zona gialla con l’impegno dei vari gestori a rispettare le linee guida – dichiara Castelli -. Quindi, invece che un differimento sine dine dell’apertura, sembra profilarsi questo meccanismo dinamico: si scia dove si è in zona gialla e dove gli impianti rispettano le linee guida». Continua l’assessore: «C’è una grande esigenza, il sistema dei comprensori sciistici marchigiani è messo alle strette da questa situazione, gli Appennini reclamano un’attenzione particolare, quindi chiediamo con forza che si possa valutare come appropriata questa proposta delle Regioni di cui le Marche sono state protagoniste».

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X