«La Regione arretra, le donne avanzano»
“Guerra” per il diritto all’aborto
nei consultori delle Marche

AZIONE dimostrativa congiunta dei movimenti per i diritti delle donne. In provincia gli striscioni sono apparsi a Macerata e Civitanova: «La giunta Acquaroli, nelle parole e nella persona dell’assessora Latini, ha travalicato un confine che pensavamo non fosse travalicabile»
- caricamento letture
striscioni_consultori-3-650x488

Lo striscione posizionato davanti alla sede del consultorio a Macerata

 

Le reti per i diritti delle donne marchigiane si “impossessano” per un giorno dei consultori regionali con striscioni appesi davanti agli ingressi principali. “La Regione arretra, le donne avanzano” è lo slogan utilizzato per la mobilitazione di questa mattina. La nostra provincia non fa eccezione, con un’azione che segue idealmente quella del presidio a Macerata del 7 novembre dopo l’omelia choc di don Andrea Leonesi e che ha riguardato i consultori di Macerata e Civitanova.

striscioni_consultori-9-325x244

Il consultorio a Civitanova

«Le parole, irricevibili, dell’assessora Latini  – scrive Non una di meno Macerata – hanno evidenziato qualcosa che a noi era già molto chiaro: il corpo delle donne continua ad essere terreno di propaganda e di cattive narrazioni, a scapito del nostro diritto di scelta, come capacità di decidere di sé e come tutela della nostra salute, sessuale e riproduttiva. Ci piacerebbe poter dire all’assessora che i consultori non si toccano, che l’aborto farmacologico deve essere garantito (soprattutto in un momento pandemico), che questa giunta regionale sta cercando di demolire le virtuose esperienze consultorie e ambulatoriali marchigiane».
Poi l’attacco ai consultori: «La verità è che i consultori marchigiani sono strutture cannibalizzate da un’obiezione di coscienza massiccia e consolidata, che va dall’80% del maceratese al 100% del fermano. La somministrazione della pillola abortiva RU 486 non ha mai davvero preso piede (solo il 6% delle interruzioni di gravidanza, nelle Marche, avviene con metodo farmacologico, fanalino di coda di un dato nazionale già deprimente, il 21%) e a Macerata, di fatto, non viene somministrata, né nei consultori né altrove.
striscioni_consultori-5-325x150La responsabilità qui è duplice: la giunta Acquaroli, nelle parole e nella persona dell’assessora Latini, ha travalicato un confine che pensavamo non fosse travalicabile. Oggi, davanti ai consultori di Macerata e Civitanova, prendiamo posizione e parola, ancora una volta: nessuna interferenza dello Stato nel rapporto delle donne con il proprio corpo. I consultori devono essere a tutela delle donne, della loro salute sessuale e riproduttiva, attraverso le buone pratiche di educazione, contraccezione, possibilità di decidere quando essere madri e di compiere scelte informate e consapevoli. Questa è guerra».

Azioni simili si sono moltiplicate in tutta la Regione. Le foto degli striscioni arrivano da Fano, Ancona, Jesi, Fabriano ma la protesta ha riguardato anche altri consultori marchigiani.

(Redazione Cm)

striscioni_consultori-1-650x486

striscioni_consultori-2-650x488

fabriano-protesta-aborto

Fabriano

fano-protesta-aborto

Fano

jesi-protesta-aborto

Jesi

ancona-protesta-aborto

Ancona

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X