Muore al Covid Center
venti giorni dopo la moglie

CALDAROLA - Il 70enne Venanzo Bocci, ex dipendente comunale, si è spento domenica a Civitanova. Anche la coniuge Marisa Salvatori, scomparsa lo scorso 15 dicembre, era ricoverata nella struttura della località costiera
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

venanzo-bocci

Venanzo Bocci

 

Muore meno di tre settimane dopo la moglie, entrambi erano ricoverati al Covid center di Civitanova. Era all’ospedale Torrette di Ancona lo scorso 15 dicembre Venanzo Bocci, 70enne ex dipendente comunale, quando si è spenta Marisa Salvatori, 69 anni. Poi è stato trasferito nella struttura civitanovese dove, domenica, si è spento. E’ una delle 19 persone positive al Covid che sono decedute domenica e comunicate ieri dalla Regione (leggi l’articolo), aveva patologie pregresse. Conosciutissimo in paese non solo per la sua professione, ma anche e soprattutto per la sua disponibilità e passione per il lavoro, i concittadini si sono stretti attorno al dolore dei figli Andrea e Massimo, che nel giro di pochi giorni hanno perso i genitori. Una famiglia benvoluta e stimata a Caldarola. In tanti hanno testimoniato la loro vicinanza in questo momento così triste, compreso il sindaco, Luca Maria Giuseppetti: «Era un uomo conosciuto, presente nella vita sociale del paese. Ai familiari vanno, a nome della cittadinanza, le nostre più sentite condoglianze». Il funerale, curato dalle onoranze funebri Rossetti, si terrà oggi alle 15 nella chiesa del Beato Francesco di Caldarola.

 

Diciannove morti per il Covid, quattro sono del Maceratese

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X