AAA cercasi subito attaccante:
Kouko e Infantino nel mirino
della Maceratese

SOMMA ALGEBRICA - Il ritorno dell'ivoriano e l'arrivo del bomber dal Matera sarebbero possibili solo alla riapertura del mercato. Nel frattempo, i biancorossi sono attesi da sei partite già decisive e, visti i problemi in fase realizzativa e l'infortunio di Colombi, non c'è tempo per le riflessioni pur con tutti gli innegabili rischi di ricorrere alla lista degli svincolati
- caricamento letture

 

Enrico Maria Scattolini

Enrico Maria Scattolini

 

di Enrico Maria Scattolini

FARE PRESTO! (+) Mi permetto di ribadire il mio invito al sollecito potenziamento della linea di punta, espresso nella scorsa edizione di “Somma Algebrica” (leggi l’articolo).

A MEDIO RAGGIO gli obiettivi della società sarebbero di assoluto interesse (+): il rientro di Kouko dall’Olbia e l’arrivo di Infantino dal Matera.

MA BISOGNA far presto, per mettere intanto una toppa (+).

IL DOPPIO TURNO CASALINGO, che avrebbe dovuto rilanciare in classifica la Maceratese dopo la scoppola dei tre punti di penalizzazione, si e’ trasformato in un clamoroso flop (—).

LA SCONFITTA DI IERI CONTRO IL SUDTIROL (-), che aveva racimolato la miseria di due pareggi prima della gara dell’Helvia Recina, non concede più ulteriori riflessioni in attesa della riapertura 2017 del mercato. Pur con tutti gli innegabili rischi di un’attività limitata soltanto agli “svincolati”.

maceratese-sudtirol-8

L’esultanza della Maceratese dopo il gol di Petrilli

E’ DOCUMENTATO DALLO SCORE DELLA PARTITA che finalmente un attaccante (Petrilli) è andato a bersaglio, ma altrettanto che, salvo un paio di conclusioni finali del medesimo e di Palmieri, è risultato al solito modesto il contributo offensivo all’economia della squadra (-).

IN PIU’ E’ SOPRAGGIUNTO L’INFORTUNIO DI COLOMBI (-). Non se ne conosce ancora l’entità, ma dovrebbe trattarsi di una sublussazione alla spalla destra. Che potrebbe non essere cosa da poco.

E NON ESISTONO sostituti di ruolo a disposizione di Giunti (-).

SITUAZIONE D’EMERGENZA (-) che incide in un frangente di campionato fra i più delicati.

IN PROGRAMMA INFATTI SEI INCONTRI, prima della riapertura delle liste di trasferimento. Di cui tre a casa in rapida successione: Santarcangelo (autentica bestia nera dei biancorossi) domenica prossima, il recupero con il Lumezzane il mercoledì successivo ed infine l’Albinoleffe al principio della svolta del calendario.

maceratese-sud-tirol-fdm-13

Nicola Malaccari

DURISSIME LE TRASFERTE che li intervallano: a metà settimana lo scontro diretto di Teramo; a seguire l’improponibile impegno di Venezia ed a concludere il derby di San Benedetto del Tronto.

DA SOTTOLINEARE che la Rata scenderà al “Bonolis” teramano in condizioni di assoluta emergenza (-). Per le concomitanti assenze degli squalificati Quadri e Petrilli, quella molto probabile dell’incidentato Colombi e pure il possibile forfait di Malaccari, in condizioni fisiche non perfette per una botta accusata con il Sudtirol.

UNICI CHIARORI (+) saranno il rientro di Gattari e, forse, l’esordio a tutto respiro di Cannoni, l’ultimo arrivato che Giunti descrive come “centrocampista avanzato di adeguato livello”.

HA ALLORA SENSO attendere gennaio?

INTERROGATIVO che avrei voluto sottoporre alla nuova proprietà, se fosse stata presente alla conferenza stampa del dopo match (-).

HA FATTO CAPOLINO SOLO L’AVVOCATO BARGAGNA (+), probabilmente per verificare la presenza dei suoi colleghi di staff. Ciò fatto, con esito negativo, ha salutato i cronisti con la consueta cortesia e se n’è andato.

INEVITABILE, PER ANTICA MILITANZA, M’E’ VENUTO L’ACCOSTAMENTO con la dottoressa Tardella. Sempre presente in trincea anche – soprattutto!!! – nelle circostanze più complicate (+).

MA LEI ERA LONTANA, nel gelo di Agnone: con la sua nuova fiamma (la Recanatese). A confidare sino all’ultimo in un’incredibile vittoria ed alfine ad accontentarsi di un importante pareggio.

Filippo Spalletta e Antonio Loschiavo in tribuna all'Helvia Recina

Filippo Spalletta e Antonio Loschiavo in tribuna all’Helvia Recina

L’ASSENZA DI INTERLOCUTORI ha autorizzato questa mia personale considerazione(+).

L’ORGANIGRAMMA DELLA MACERATESE, curato con meticolosa attenzione dal presidente Spalletta (+), attribuisce particolare spessore al settore tecnico. Al confine con la ridondanza. Il vertice Loschiavo/Benassi è di alto livello (+): quindi, a mio parere, dotato di profonda conoscenza dei segreti di mercato e relativi…aggregati.

QUINDI SICURAMENTE IDONEO (+) a fare l’operazione giusta pur sotto pressione. Nel senso di azzeccare il (i) rinforzo (i) adatto (i) nonostante la limitatezza dell’offerta. Oggettivamente condizionata da quanto suesposto e pertanto difficile.

MA ANCHE LA SQUADRA DEVE METTERCI DEL SUO (+). Iniziando, ad esempio, dal modulo tattico.

M’E’ CAPITATO, la settimana scorsa, di esprimere dubbi (-) sull’opportunità del 3-5-2. Negli ultimi tempi indifferentemente applicato sia contro i big e comunque in trasferta, sia all’Helvia Recina con avversari di qualità modeste.

PURE IL SUDTIROL, come prima il Forlì, ne ha tratto beneficio (-). Per la notevole ossigenazione fruita a centrocampo – basso il baricentro biancorosso, anche per la sua costituzionale fragilità d’interdizione – e la penuria offensiva avversaria.

LO HA CANDIDAMENTE RICONOSCIUTO (+) lo stesso allenatore altoatesino. Che ha anche ammesso: «La mia squadra si è trovata in difficoltà quando i biancorossi, nel secondo tempo, hanno cambiato organizzazione».

maceratese-sud-tirol-fdm-8

Una delle parate del portiere ospite Marcone

PER LA PRECISIONE, ciò è accaduto intorno al quarto d’ora della ripresa. La migrazione in un 4-3-3 che ha permesso a Petrilli di alzarsi sulla fascia destra (-), in pendant con Turchetta in quella mancina, con Malaccari di protezione alle sue spalle.

LIMITI D’ATTACCO E DISCONTINUITA’ (giustamente lamentata da Giunti nelle interviste di fine gara) hanno tolto concretezza ai biancorossi (-).

OLTRE AD UN PAIO D’INTERVENTI (+) del portiere ospite sui tiri finali di Petrilli e Palmieri. Per altro con la Maceratese in vantaggio numerico per la precedente espulsione di Sarzi Puttini.

A CONFERMA DI UN’ALTERNANZA DI EPISODI – notoriamente fondamentali nel calcio di oggi – favorevole al Sudtirol. Come ampiamente dimostrato, poco prima dell’intervallo, dall’incrocio dei pali colpito da Quadri. Calcio terminale di quella che sarebbe risultata la migliore azione della Rata.

INDISCUTIBILE L’IMPEGNO CORALE DEI GIOCATORI (+) …Però non allo stremo che l’esigenza di recupero avrebbe imposto…

HO L’IMPRESSIONE (-) che la …filosofia dell’attesa, connaturata al 3-5-2, tenda un po’ a soffocare la rabbia agonistica della Rata nei momenti in cui la forza della disperazione dovrebbe invece prevalere.

ATTEGGIAMENTO CRITICATO, sia pure fra i denti, in alto loco.

maceratese-sud-tirol-fdm-12

Dopo la sconfitta contro il Sudtirol i giocatori della Maceratese a colloquio con i tifosi

INFINE IL PUBBLICO. Compatta la “Curva Just” nell’appoggio sonoro alla Maceratese (+); scarsa invece l’affluenza allo stadio (-). Meno di mille spettatori, nonostante il ritorno al classico orario del primo pomeriggio. Non si va da nessuna parte, con questo andazzo.

NEL MENTRE HA REALIZZATO LA SUA PROMESSA (+) Alessandro Chiaraluce, il noto supporter osimano d’antico pelo ma d’immutata passione. La Rata è ritornata finalmente ad indossare le maglie biancorosse a strisce verticali, dal medesimo generosamente donate. Peccato che non abbiano risolto il problema dell’astenia casalinga,”Il tempo per riprovarci non mancherà”, s’è consolato Chiaraluce. Sempre ottimista.

NUOVO ANCHE LO SPEAKER DELL’HELVIA RECINA. Ed anche bravo (+), Enrico Cerquetella. Ma una sola volta la sua voce è volata alta. Quando ha informato che il pareggio biancorosso era stato segnato da Petrilli, sottolineandolo con un entusiasmo pari alla soddisfazione. Come se avesse intuito che non avrebbe avuto altre occasioni per il bis.

***

I biglietti per Teramo – Maceratese

Ai tifosi biancorossi verrà riservata, in occasione del match infrasettimanale di campionato in programma mercoledì 7 dicembre, alle 14,30, la curva Nord dello stadio Gaetano Bonolis (dove nell’ultimo torneo di serie D la Maceratese colse un utilissimo 1-0 a firma di D’Antoni ai danni del San Nicolò), della capienza di 938 posti. L’accesso allo stadio è riservato ai soli possessori della tessera del tifoso. Il costo del biglietto è fissato a 8,50 euro, oltre il diritto di prevendita. Da zero a 13 anni il biglietto d’ingresso è di 0,50 euro (+ diritti prevendita). Per le donne, gli over 65 ed under 17 il costo è di 6 euro (+ diritto prevendita). I biglietti sono acquistabili nel circuito Bookingshow. Il Teramo aderisce al programma “Porta un amico / due amici allo stadio”. I punti vendita dei tagliandi per la gara di Teramo, in provincia di Macerata, sono: Casa della Musica, corso Umberto I 103, Civitanova. Primavisione Macerata s.n.c. , via Roma 125/127, Macerata. Edicola della stazione di Compagnucci Fabrizio, piazza XXV Aprile 11, Macerata. Tabaccheria Quarchioni Mauro, corso Costituzione 1, Monte San Giusto. Europoste di Biscontini Giorgia, via Bartolomeo Eustachio 13, San Severino.

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X