Una famiglia, tre consiglieri
Nel “partito” degli Orazi entra la nipote

CURIOSITA' - La new entry dell'assise di Macerata è Cristina Cingolani (lista Sandro Parcaroli sindaco), figlia della terza sorella degli eletti Laura (Lega) e Ulderico (Italia Viva). Un caso assai raro: «Rappresentiamo proprio la democrazia»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

orazi-cingolani

Da sinistra Laura Orazi, Cristina Cingolani e Ulderico Orazi oggi pomeriggio durante il primo Consiglio comunale

 

di Federica Nardi (foto di Fabio Falcioni)

Qualche cliente del bar, scherzando ma non troppo, ha proposto alla famiglia Orazi di «fare un partito tutto loro». Perché tra le novità di oggi, primo Consiglio comunale dell’amministrazione di centrodestra di Sandro Parcaroli, c’è anche Cristina Cingolani, entrata in assise nelle fila della civica del sindaco al posto di Gianluca Micucci Cecchi, nominato presidente dell’Apm. Senza farsi “ingannare” dal cognome, Cingolani è la nipote di Ulderico e Laura Orazi, fratelli e titolari del Bar Cavour, ora rispettivamente consiglieri di Italia Viva e Lega. Insomma, la famiglia al completo con tre consiglieri su 32.

MicucciCecchi_FF-2-325x217

Oggi in Consiglio anche Gianluca Micucci Cecchi che ha lasciato il posto a Cristina Cingolani dopo la nomina in Apm

A raccontare l’aneddoto del clienti è Laura Orazi, eletta in quota Lega. Già in fase di campagna elettorale aveva fatto parlare la competizione tra i due fratelli ai quali ora si aggiunge la nipote, figlia della terza sorella Orazi. Ulderico Orazi, già consigliere nella passata amministrazione prima con il Pd e poi passato a Italia Viva, si trova quindi ora in minoranza e con ben due parenti sul fronte opposto, in maggioranza. Si prospetta un pranzo di Natale 2020 turbolento? I tre assicurano di no. «Direi che noi rappresentiamo proprio la democrazia – ironizza Cingolani –. Anche in famiglia si possono avere posizioni diverse e andare d’amore e d’accordo. Siamo una famiglia molto unita e non abbiamo mai avuto problemi». La consigliera, 47 anni e alla prima esperienza politica, spiega inoltre che «fino a due mesi fa non avrei mai pensato di essere qui. E sono qui con responsabilità, consapevolezza ed entusiasmo». Ulderico ammette che si tratta di «una situazione unica e rara. Non so se sia mai successo prima. Certo, la politica non può inficiare la famiglia. Ognuno la pensa a modo suo ed è una bellezza. L’amore per nipoti e le sorelle rimane a vita».

Primo Consiglio targato centrodestra Parcaroli dà il via alla nuova storia: «Vi chiedo di accettare sfide ambiziose»

Scontro per i fratelli Orazi, Ulderico con Ricotta e Laura per Parcaroli

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X