Maceratese, ultima chance per Moriconi?
Deve battere la Futura 96

PROMOZIONE - Match delicatissimo quello in programma domenica alle 15 all'Helvia Recina. I biancorossi affrontano la seconda forza del campionato, per quello che è un appuntamento da non fallire, soprattutto per il tecnico: se non si inverte la rotta più che verso dei ritocchi, indispensabili alla rosa, si potrebbe andare incontro ad un’autentica rivoluzione
- caricamento letture

 

potenza-picena-hr-maceratese-moriconi-FDM-5-650x404

L’allenatore della Maceratese, Francesco Moriconi

 

di Mauro Giustozzi

Tre partite in una settimana, ma per mister Moriconi quella con la Futura ’96 (domenica, alle15) è gara da ultima spiaggia. In attesa della riapertura del mercato di dicembre che però ha già visto il (prematuro?) addio di La Cava in settimana (leggi). Con un’HR Maceratese coi giocatori contati, e quindi con formazione praticamente obbligata, come la conquista dei 3 punti con una prestazione convincente. In caso contrario la rivoluzione iniziata proseguirà già domenica sera nello spogliatoio dell’Helvia Recina.

HRMaceratese-Monturano_FF-13-325x217

Mario La Cava non è più il centravanti della Maceratese

Che il momento sia estremamente delicato lo testimonia il fatto che nessun giocatore della Maceratese ha voluto rilasciare dichiarazioni prima della sfida coi fermani (la società è di Capodarco, località ben più nota per la classica corsa di bici estiva che per il calcio in verità) della Futura ’96 vice capolista del girone B di Promozione. Non un silenzio stampa ufficiale ma la necessità di concentrarsi esclusivamente sul campo, sulla partita, perché commettere l’ennesimo passo falso di questo scorcio di stagione potrebbe significare non solo per l’allenatore ma anche per qualche altro giocatore biancorosso un futuro prossimo molto lontano da Macerata. Un summit societario si era tenuto domenica scorsa, subito dopo l’amarissimo pareggio incassato in zona Cesarini dal Centobuchi. In quella sede la decisione aveva riguardato soprattutto Mario La Cava, già ai margini del club e relegato in panchina, con l’addio poi ratificato nei giorni successivi. Al di là degli errori e dello scarso contributo dato dal centravanti alla squadra, la decisione ha sorpreso per la tempistica con cui è stata adottata. Non si poteva attendere la fine di novembre per svincolare La Cava, che sarebbe potuto tornare utile nelle partite di questo mese visti i problemi legati ad un attacco già privo dello squalificato Ceijas e con poche alternative?

MacerataHR_Civitanovese_FF-18-325x216

Il presidente Alberto Crocioni

La mossa della società forse può essere intesa anche come un avvertimento verso altri giocatori che non stanno rendendo a dovere: se non si inverte la rotta più che verso dei ritocchi indispensabili alla rosa si potrebbe andare verso un’autentica rivoluzione. Che non escluderebbe affatto il cambio di allenatore. Moriconi ha un’ultima carta da giocarsi: dopo il pareggio col Centobuchi o batte la Futura ’96 o sarà inevitabile da parte della società di Crocioni dare il benservito al mister. Del resto il ruolino di marcia è assolutamente insufficiente per l’HR Maceratese. E non si possono più rinviare ancora decisioni importanti. Anche perché bisogna impostare il mercato di riparazione: un conto farlo col mister attuale, se toccherà a lui proseguire l’avventura, un altro è se verrà sostituito e quindi con un altro allenatore le cui esigenze sarebbero evidentemente diverse. Dunque HR Maceratese-Futura ’96 vale molto più dei tre punti in palio. Seguirà poi la gara casalinga dei biancorossi in Coppa Italia mercoledì 21 alle 18 contro il Potenza Picena, per il secondo turno del triangolare che comprende anche il Valdichienti, ed infine sabato 24 la sfida sul campo dell’Atletico Ascoli, altra squadra che punta alle zone di vertice della classifica.

HRMaceratese-Monturano_FF-8-325x217La partita di domenica è comunque quella più importante: battere la Futura ’96 è un passaggio indispensabile. Non facile, complicato, perché i fermani sono una delle rivelazioni di questo inizio campionato. Con 13 punti occupano la piazza d’onore del campionato con un ruolino di marcia invidiabile: 3 vittorie, 4 pareggi ed 1 sola sconfitta. Una formazione da rispettare ma contro la quale la Maceratese non ha altri risultati se non il successo. Organico contato per mister Moriconi che presumibilmente confermerà lo stesso undici di una settimana fa con Tomba tra i pali, Bigoni, Arcolai, Capparuccia e Piccioni nel pacchetto difensivo. Campana, Severoni e Moriconi a centrocampo con gli esterni Agostinelli e Massini ed al centro dell’attacco Mongiello. Assente lo squalificato Ceijas panchina con tanti giovani e poche reali alternative a questo undici. Sul fronte dell’infermeria vanno segnalati gli interventi chirurgici a cui si sono sottoposti ieri il difensore Carlo Tartari a Macerata (operato dal dottore Gabriele Caraffa) e mercoledì scorso il jolly Claudio Brugiapaglia a Perugia (intervento eseguito dal dottore Auro Caraffa). Per i due giocatori della Maceratese i tempi di recupero sono decisamente lunghi: dovrebbero tornare a disposizione tra marzo e aprile, quando probabilmente i giochi in campionato saranno già decisi.

 

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X