Marche sud per Lucciarini
Antinori rinnova la sfida

PD MARCHE - Primarie aperte, probabilmente il 16 febbraio. Il leader della minoranza provinciale con tanti Giovani Democratici a sostegno del sindaco di Offida contro la candidatura Comi alla segreteria regionale. Da Macerata le firme dei sindaci per il candidato tolentinate
- caricamento letture

IMAG0842di Gabriele Censi

Roberta Pennacchioni, segretaria provinciale Giovani Democratici di Macerata; Matteo Terrani, assessore Pd del Comune di Folignano; Francesco Di Vita, segretario Giovani Democratici Ascoli Piceno; Gianluca Pompei, Partito Democratico San Benedetto; Carlo Nunzio Sforza, vice segretario provinciale Pd Fermo; Federico Giacomozzi, segretario provinciale Gd Fermo; Francesco Ameli, direzione nazionale Giovani Democratici. Sono alcuni dei giovani che si sono schierati a fianco di Valerio Lucciarini, sindaco di Offida e candidato alla segreteria regionale del Pd. Li ha ospitati, nella sede del partito provinciale di Macerata, Mario Antinori, che apre un’altra campagna elettorale dopo quella che l’ha visto contrapposto e sconfitto a Teresa Lambertucci per la segreteria provinciale. Stavolta non ci sono divisioni tra renziani, civatiani e cuperliani ma il gruppo si identifica come ‘Marche sud’. “Presentiamo una piattaforma  programmatica – dice Antinori – di una generazione che è entrata nel Pd dall’esperienza dei Giovani democratici delle province di Ascoli, Fermo e Macerata,  serve cambiamento e rinnovamento ed oggi è un passaggio fondamentale come non ne abbiamo avuti nel passato, quando tutto era già deciso. Si aprono nuovi spazi , anche per la situazione di crisi e la svolta di Renzi, e Valerio Lucciarini è la persona giusta per guidare  il partito regionale”.

IMAG0839“Una rete del sud della regione per aprire una dialettica interna necessaria e da preferire al finto unanimismo – interviene Matteo Terrani -, si propone dall’altra parte una operazione gattopardesca ‘cambiare tutto per non cambiare niente’ che contrastiamo. Vogliamo che il Pd sia al fianco dei sindaci e che riprenda in mano la direzione politica delle Marche senza più essere genuflesso al governo regionale”. Carlo Sforza mette al centro il tema della sanità e come fermano precisa:  “Sull’ospedale di rete non ci saranno passi indietro”. “La sanità, che del resto occupa gran parte del bilancio regionale, è una priorità assoluta – insiste Francesco Ameli – ma non sono i dirigenti a dover essere tutelati ma gli operatori e gli utenti, tenendo fuori la politica”. Il riferimento finale è alla nomina del nuovo direttore generale Asur Gianni Genga, etichettato come renziano. Sul tema della centralità della cultura e del diritto allo studio, particolarmente sentito in un tavolo con molti studenti o freschi laureati, interviene Francesco Di Vita: “Da Gradara ad Arquata tutti devono avere le stesse possibilità. Le Università al centro dell’azione politica significano anche sviluppo”

Aspetta di essere sollecitato, Antinori, sul fatto che c’è un candidato del territorio, mai nominato durante la conferenza, ma non si sottrae: “Il disegno è unico, la presidenza dell’assemblea provinciale, che avevamo chiesto,  viene assegnata all’Area Dem, per offrirci una vicesegreteria che non so cosa significhi. La candidatura di Comi è calata dall’alto. Non possiamo dire tutti di essere nuovi, c’è qualcuno che esercita funzioni da qualche anno… Il profilo dei candidati conta più del territorio, un buon amministratore come Lucciarini è un segnale forte. La dialettica è meno accentuata rispetto alla competizione per il Provinciale, dove comunque ci astenemmo per l’elezione di Vitali  alla presidenza,  ma confrontarsi sembra sia un problema”.

La sfida è lanciata e le regole saranno definite nelle prossime ore, intanto è sicuro che il nuovo segretario marchigiano sarà scelto con il metodo delle primarie aperte e la data più probabile è il 16 febbraio. 

***

Il consigliere regionale Comi ha presentato la sua squadra nel corso di una conferenza stampa

Il consigliere regionale Comi ha presentato la sua squadra nel corso di una conferenza stampa

Da Maurizio Saiu, coordinatore campagna elettorale di Francesco Comi:

“All’indomani dell’ufficialità della candidatura del Consigliere Regionale Francesco Comi a Segretario del Pd Marchigiano (leggi l’articolo), non si è fatta attendere la risposta degli amministratori del territorio maceratese. Numerosi Sindaci, Assessori e Consiglieri dei Comuni della Provincia hanno immediatamente dato la loro disponibilità a sostenere Comi in questa sfida. Una sfida importante per tutto il territorio e per portare Macerata e la sua provincia alla guida del PD Regionale in un momento delicatissimo per per le Marche che si apprestano a vivere un periodo elettorale intenso con le amministrative e le Europee nei prossimi mesi e con il rinnovo della Regione il prossimo anno. Per questo la sottoscrizione di più di 200 amministratori locali assume un segno chiaro ed inequivocabile; Comi rappresenta il mix perfetto tra l’esperienza e il cambiamento; si deve portare a compimento quel processo di innovazione iniziato con i congressi provinciali continuato con l’elezione di Matteo Renzi a Segretario Nazionale e che si deve concludere con una forte risposta anche a livello Regionale.

Alcuni tra i firmatari del documento congressuale: Giancarlo Ricottini, Sauro Scaficchia, Claudio Castelletti , Settimio Novelli, Giovanni Piersigilli, Osvaldo Messi, Ornella Formica, Paolo Teodori, Daniele Piatti, Gabriele Santamarianuova, Stefano Cardinali, Cesare Martini, Roberto Broccolo, Alessio Gianfelici, Vittoria Trotta, Daniele Zepponi, Stefania Tamburrini, Stefano Siroti, Paola Cardinali, Simone Vitturini, Giuseppina Salomoni, Matteo Aringoli, Tonino Nardi, Leonardo Catena.

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X