Omicidio sul corso un anno fa,
sabato manifestazione per Alika

CIVITANOVA - Il 29 luglio l'ambulante nigeriano era stato ucciso sotto gli occhi dei passanti. Per ricordarlo ci saranno una commemorazione nello spazio aperto dietro il cinema Cecchetti e un convegno con il giornalista della radio Vaticana Filomeno Lopes

- caricamento letture
OmicidioCivitanova_FF-0-650x434

L’omicidio di Alika

di Laura Boccanera

E’ passato un anno da quando la città è stata scossa dal brutale omicidio di Alika Ogorchukwu, l’ambulante ucciso da Filippo Ferlazzo in pieno corso Umberto alle 2 del pomeriggio. Una vicenda che a distanza di un anno (l’omicidio risale al 29 luglio) è più che mai una ferita aperta per i familiari della vittima, la vedova Charity e il figlio, ma anche per la città che è stata additata, poco dopo l’omicidio, come indifferente perché nessuno tra i presenti alla fermata del bus (per lo più anziani e donne) è intervenuto a fermare l’omicida.

Alika-Ogorchukwu-omicidio-civitanova-e1662453186518-325x219

La vittima, Alika Ogorchukwu

Per una preghiera e per commemorare Alika sabato è prevista una manifestazione alle 16 nello spazio aperto dietro al cinema Cecchetti. La vedova del nigeriano, Charity, assieme ad alcuni familiari e amici di Alika, saranno presenti con letture, preghiere per commemorarne la memoria e continuare a chiedere giustizia, ora che il processo nei confronti di Ferlazzo si è incardinato. Sabato anche il comitato 29 luglio che si era costituito all’indomani di quell’atto di violenza brutale ha organizzato un convegno sul tema dell’accoglienza e della convivenza. «All’omicidio seguirono reazioni divergenti – ricorda il comitato – da un lato commozione e solidarietà da una parte, reazioni razziste quasi a giustificare quel crimine dall’altra parte. Oggi, per molti, quel fatto va dimenticato per non rovinare l’immagine di una città turistica. Noi non vogliamo dimenticare questa tragedia e crediamo anzi che occorra un gesto di memoria pubblica per Alika, per la sua famiglia, per la comunità nigeriana, per la stessa dignità di Civitanova. Per questo organizzeremo un convegno al salone di San Pietro, in via del Timone 5, il 29 luglio alle 17,30, un incontro con il giornalista della radio Vaticana Filomeno Lopes dal titolo “In memoria di Alika. Per una convivenza accogliente a Civitanova”. La famiglia di Alika e la comunità nigeriana sono invitate, insieme alla cittadinanza e alle autorità municipali. Confidiamo in una forte partecipazione per attivare una rete di soggetti pronti a coltivare la pace e la giustizia in tutti i rapporti, in modo che a Civitanova nessuno sia trattato con disprezzo, violenza o indifferenza».

 

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X