Pulizia e sanificazione:
«Settore chiave nell’emergenza,
nel Maceratese 146 sono artigiani»

CONFARTIGIANATO - Si tratta dell'83,0% del totale con 450 addetti, pari al 60,2% dell'intero comparto
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

giorgio_menichelli

Giorgio Menichelli, segretario generale Confartigianato

 

«Pulizia e sanificazione, un settore chiave nell’emergenza Covid-19: nelle Marche il 79,4% del comparto è artigiano. Nel corso dell’emergenza sanitaria, tra le numerose attività imprenditoriali che hanno consentito a cittadini e imprese di affrontare situazioni critiche e di adattarsi ad un contesto in rapido cambiamento, si trovano sicuramente tutte le imprese di pulizia e sanificazione». E’ quanto sottolinea Confartigianato, per poi passare subito ai numeri. «Secondo l’elaborazione dell’Ufficio Studi, in Italia, secondo paese dell’Ue per occupati nelle micro e piccole imprese dei servizi di pulizia, operano 34.298 imprese e 436.944 addetti, di cui 403.570 sono dipendenti e rappresentano il 92,4% degli addetti. Le micro e piccole imprese con meno di 50 addetti (Mpi) delle attività di pulizia e disinfestazione sono la quasi totalità delle imprese del comparto (96,5%) per un totale di 33.106 imprese e concentrano un terzo (32,6%) degli addetti, pari a 142.246 unità. Nell’artigianato si contano 21.627 imprese e 70.861 addetti, di cui 45.629 sono dipendenti e rappresentano il 64,4% degli addetti dell’artigianato del comparto. Tra le imprese del settore è marcata la vocazione artigiana: nell’artigianato si concentra, infatti, il 63,1% delle imprese, quota ampiamente superiore al 23,7% registrato per il totale dell’economia, mentre per quanto riguarda gli addetti e i dipendenti l’incidenza dell’artigianato è in linea con quella media».

sanificazione-treni-stazioni-ferrovie-covid-7-325x217Confartigianato sottolinea: «Il fatturato riferito alle imprese artigiane è di 2.482 milioni di euro, pari al 17,9% del totale del comparto, ed un valore aggiunto di 1.370 milioni di euro, pari al 16,5% del totale del comparto. Per quanto riguarda le Marche, le imprese artigiane che si occupano di attività di pulizia e disinfestazione sono 644, il 79,4% del totale comparto. Tale quota è superiore alla media nazionale, pari al 64,5%. Gli addetti artigiani del settore nella nostra regione sono 2.075, il 28,1% del totale addetti del comparto, quota che colloca la nostra regione al 3° posto tra quelle che hanno oltre 1.000 addetti artigiani del settore in questione (media nazionale 16,2%). Considerando le province, ad Ancona le imprese artigiane che svolgono attività di pulizia e disinfestazione sono 180, il 73,8% del comparto, con 725 addetti, il 28,7% del settore, a Pesaro e Urbino sono 131 le imprese artigiane della pulizia e disinfestazione, l’82,9% del totale settore, con 409 addetti, il 13,7% del comparto. Nella provincia di Ascoli Piceno sono invece 106 le imprese artigiane della pulizia e disinfestazione, il 73,1% del settore, con 337, il 38,0% del comparto. A Fermo l’artigianato della pulizia e sanificazione conta 81 imprese, il 92,0% del totale, con 155 addetti, pari al 65,4% del settore, mentre a Macerata le imprese artigiane sono 146, l’83,0% del settore, con 450 addetti, il 60,2% dell’intero comparto. Come sappiamo, le condizioni di sicurezza di ripresa delle attività economiche sono garantite da servizi di pulizia, a cui si aggiungono attività di decontaminazione e disinfezione, ed è per questo che quello della pulizia e sanificazione è considerato uno dei settori chiave per la cosiddetta fase 2».

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X