Acquaroli fa il punto a Camerino:
«Sì a nuovi ospedali, no a quello unico»

SANITA' - Diversi i medici e gli infermieri trasferiti al Covid center di Civitanova. La direttrice dell'Asur Marche Storti ha assicurato che ogni Area vasta farà una turnazione di 30 giorni per fornire personale. Sui pazienti Covid: «Sono 306 i ricoverati in regione, di questo passo ne avremo altri 180 al 10 novembre e sarà sempre più dura». Il governatore: «Stiamo disegnando una nuova organizzazione sanitaria che coinvolgerà gli operatori e i sindaci»
- caricamento letture
acquaroli-camerino1-650x488

Francesco Aquaroli a Camerino (secondo da sinistra). Con lui Alessandro Gentilucci (di spalle, primo a sinistra), Ginaluca Pasqui, al centro, Sandro Sborgia e Nadia Storti

 

di Monia Orazi

«Sì all’apertura di nuovi ospedali, no ad un unico ospedale accentratore. La curva dei contagi sembra rallentare ma i numeri sono importanti e ci prepariamo al peggio. Capisco che sia una violenza essere strappati via da qualcosa, sono dispiaciuto di non poter trovare subito una soluzione per Camerino ma prendo l’impegno a disegnare un nuovo modello di sanità nelle Marche che comprenda voi sanitari e i sindaci». Così il governatore Francesco Acquaroli che questa sera a Camerino, al primo piano dell’ospedale, ha affrontato la situazione del nosocomio il cui personale è stato in parte trasferito al Covid center di Civitanova.

acquaroli-camerino3-650x488Ciò ha significato la chiusura dei quattro letti del reparto di Rianimazione con 8 anestesisti e l’equipe di infermieri che sono stati trasferiti a Civitanova. Altri due medici di Chirurgia saranno trasferiti, dopo che già il reparto è stato accorpato con Ortopedia per far fronte alla carenza di personale. In più per il Covid center sono partiti anche medici e infermieri volontari. Sul punto del personale, ha risposto Nadia Storti, direttore dell’Asur Marche: «Abbiamo preservato Camerino da diventare ospedale Covid. Il primo modulo con Civitanova lo abbiamo coperto con personale dell’ospedale di Civitanova. Ci sarà una turnazione del personale di tutte le Aree vaste, ognuna di 30 giorni. Saranno garantiti gli interventi oncologici di classe A, quelli più gravi, e quelli urgenti. Sia a Camerino che in tutti gli ospedali. Camerino è un ospedale di eccellenza ma il problema è la mancanza di personale, purtroppo non sono capace di clonare i medici». Storti ha aggiunto: «Ad oggi ci sono 306 pazienti ricoverati nelle Marche per il Covid, ma se la curva continua così ce ne saranno altri 180 al 10 novembre e la situazione diventerà sempre più dura».

acquaroli-camerino4-e1604694429731-650x567Acquaroli ha poi proseguito: «L’indice di contagio è sceso da 1,55 a 1,25. Ma i numeri restano importanti. È una situazione difficile. Ognuno deve fare quello che può. Non giudico quanto accaduto ma la politica deve dare una risposta. Ieri ho depositato il documento per la revisione del piano sanitario regionale che mi aspetto di fare entro un anno e mezzo circa. In questo periodo osserverò ciò che accade per fare una valutazione. Chiedo l’aiuto di voi operatori perché non riaccada ciò che è avvenuto a marzo: non possiamo farci trovare impreparati, serve una organizzazione, non possiamo rivedere in corsa il piano pandemico. Noi siamo per potenziare la medicina del territorio perché la pandemia ci ha insegnato quanto sia importante avere strutture ospedaliere anche sul territorio. Non si deve allontanare la popolazione fragile e anziana dalle strutture sanitarie di riferimento». Sul personale del Covid center ha aggiunto: «non siamo riusciti a trovare personale aggiuntivo, per ora la situazione tiene. Ma se peggiora saremo costretti ad applicare il piano pandemico».

Tra chi è stato trasferito c’è la coordinatrice della Rianimazione di Camerino, Samanta Bartolucci che per la seconda volta si trova in prima linea. «Mia madre, mio figlio, mi dicono: tocca di nuovo a te? Abbiamo passato tre mesi in prima linea e siamo ancora noi a doversi sacrificare. L’ospedale è regionale e dovrebbe esserci personale da tutta la regione». Cosa questa, che ha poi assicurato Storti. Presenti il sindaco di Camerino Sandro Sborgia, quello di Pieve Torina, Alessandro Gentilucci. L’incontro era stato sollecitato dal consigliere regionale Gianluca Pasqui, dopo la notizia del trasferimento del personale del nosocomio di Camerino al Covid center.

acquaroli-storti

acquaroli-camerino5-650x488

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X