Apertura della stagione estiva,
Pieroni: «Sicurezza e bellezza
il nostro binomio vincente»

MARCHE- L'assessore regionale: «Otterremo risultati importanti, i buoni segnali ci sono già e sentendo gli operatori le prenotazioni stanno riprendendo vigore»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

riaperture-regione-pieroni-1-325x179

L’assessore Moreno Pieroni

 

«Tutti i turisti, marchigiani per conoscere meglio gli angoli bellissimi e reconditi della nostra regione, italiani e, ci auguriamo, anche stranieri, potranno venire in tranquillità e sicurezza nelle Marche. Accolti dalla gentilezza e dal senso di ospitalità che sarà ancor più attento e curato in questo periodo». Sono le parole con cui l’assessore regionale al Turismo e Cultura, Moreno Pieroni, saluta l’apertura della stagione turistica 2020, definita «particolare ma anche molto importante per le Marche. E il 3 giugno segna la data della ripartenza e della libera circolazione anche per il turismo, volano fondamentale per l’economia regionale e fattore trainante per i livelli occupazionali dei comparti legati a questo settore». Pieroni lancia il messaggio, condiviso con le associazioni di categoria: «estate sicura, in relax in mezzo alla bellezza – sottolinea – Sicurezza e bellezza sono il binomio che rappresenta un valore aggiunto per la nostra regione e che ci permetterà di ottenere risultati importanti, seppure in una stagione molto difficile. I buoni segnali ci sono già e sentendo gli operatori le prenotazioni stanno riprendendo vigore, così come sappiamo che molti turisti italiani e stranieri stanno informandosi sulla nostra regione come prima scelta di destinazione. Noi possiamo offrire un ventaglio di opportunità e proposte che poche regioni possono vantare: dal mare alla montagna in pochi chilometri, anche in bici. E puntiamo, infatti, sulle Marche del Bike, un turismo lento e all’aria aperta, nelle nostre bellissime aree interne con il nostro testimonial Nibali e gli spot televisivi che lo vedono protagonista già riproposti sulle maggiori reti nazionali- evidenzia l’assessore -. Insomma noi non chiediamo il passaporto per entrare nella nostra regione, ma ci facciamo riconoscere dal passaporto della “Bellezza infinita”. Sono sicuro che anche quest’anno le Marche potranno raccogliere grandi soddisfazioni e non deludere le aspettative. Insieme a tutti i soggetti coinvolti abbiamo fatto un lavoro importante in questi mesi, per garantire un’offerta turistica all’insegna della sicurezza, senza perdere di vista l’attrattività che rimane sempre quella di una regione “Best in Travel 2020”».

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X