«Bonus per l’acquisto di bici
anche ai comuni più piccoli»

MOZIONE presentata dal capogruppo dem Francesco Micucci e approvata dal Consiglio regionale, l'attuale norma del dl Rilancio prevede si risieda almeno in una città di 50mila abitanti o in un capoluogo di provincia per accedere allo sconto
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
francesco-micucci-civitanova-FDM-2-325x217

Francesco Micucci, capogruppo dei dem in Consiglio regionale

 

Bonus per l’acquisto di bici esteso a tutti i comuni italiani, anche ai più piccoli, ed il reperimento di risorse regionali per la mobilità sostenibile. È quanto chiesto in una mozione presentata dal capogruppo del Pd Francesco Micucci ed approvata oggi dall’Assemblea legislativa delle Marche. Il decreto legge 34 dello scorso 19 maggio prevede, infatti, un “buono mobilità” per l’acquisto di biciclette, anche a pedalata assistita, e di altri veicoli “green” solo per i cittadini maggiorenni residenti nei capoluoghi di provincia o nei comuni con popolazione superiore a 50mila abitanti. «Considerando l’attuale formulazione del decreto, nelle Marche possono beneficiare del bonus solo i cittadini dei comuni di Ancona, Ascoli Piceno, Fano, Fermo, Macerata, Pesaro e Urbino. Vale a dire poco più del 25 per cento della popolazione totale marchigiana, che supera 1,5 milioni – spiega il capogruppo Micucci – Per questo è fondamentale chiedere al Governo di estendere la misura a tutti i comuni italiani. Non solo, è importante che la Regione stessa riesca ad integrare i fondi nazionali con fondi propri, per ampliare il più possibile la platea dei beneficiari del contributo. Il mio impegno sarà massimo, come anche quello della Giunta, per reperire risorse idonee a sopperire alla carenza del provvedimento nazionale. In un momento così particolare – prosegue Micucci – è buona cosa fornire incentivi alle comunità, anche le più piccole, vista la crisi economica che ha provocato e provocherà nei mesi a venire il lockdown. L’accesso ai contributi per biciclette, monopattini ed altri mezzi non inquinanti può favorire non solo le famiglie quali fruitori finali, ma anche rivenditori, operatori del comparto turistico e ricettivo, basti pensare, ad esempio, al cluster turistico Marche outdoor (percorsi cicloturistici integrati in bike). Al tema economico – conclude il capogruppo – si aggiunge poi quello della tutela ambientale e dell’aria che l’emergenza Coronavirus ha riportato con forza ai vertici dell’agenda dell’opinione pubblica, ridisegnando il futuro con un’etica più attenta al rispetto dell’ambiente, della qualità dell’aria e delle sane abitudini di vita».

 

“Marche Paradiso del biking” Boom di prenotazioni



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X