Conte: «4,3 miliardi ai Comuni,
400 milioni per buoni spesa»

NUOVO DPCM - Il presidente del Consiglio ha annunciato un anticipo straordinario per le amministrazioni locali: «Lo Stato c’è, l’ho sempre detto. Stiamo lavorando perché i 25 miliardi del decreto “Cura Italia” arrivino subito nelle tasche di famiglie e imprese. C’è un dato che ci incoraggia, oggi abbiamo avuto 1.434 guariti, è il numero più alto». Il presidente dell'Anci Marche Mangialardi: «Si rafforza il legame col Governo»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Schermata-2020-03-28-alle-19.54.04-650x334

Il premieri Giuseppe Conte durante la conferenza stampa di questa sera

 

 

Quattro miliardi e trecento milioni ai Comuni per aiutare le persone in difficoltà e altri 400 milioni destinati esclusivamente per darli alle persone che non hanno i soldi per fare la spesa o comprare farmaci. Lo ha detto poco fa il premier Giuseppe Conte nel corso di un videomessaggio insieme al ministro Gualtieri. Ha anche annunciato una buona notizia: «C’è un dato che ci incoraggia, oggi abbiamo avuto 1.434 guariti, è il numero più alto. A inizio settimana ci confronteremo con gli scienziati e gli esperti e speriamo ci portino buone notizie». Ma Conte ha voluto soprattutto parlare degli aiuti che sono pronti ad essere messi nel motore per aiutare le persone che sono in difficoltà. «Oggi vogliamo dare il segno della presenza concreta dello Stato. Lo Stato c’è, l’ho sempre detto. Ci sono tanti cittadini in difficoltà, siamo consapevoli che ci sono tante persone che soffrono, sono sofferenze psicologiche, non eravamo abituati a stare in casa, poi ci sono problemi materiali di chi ha difficoltà ad approvvigionarsi di viveri e farmaci. Per questo abbiamo lavorato intensamente per varare subito un provvedimento di grande impatto. Ho appena firmato un dpcm con cui disponiamo per i Comuni la somma di 4,3 miliardi a valere sul fondo di solidarietà dei Comuni per aiutare le persone che sono più in difficoltà. Inoltre con una ordinanza di Protezione civile aggiungiamo a questo fondo 400 milioni che destiniamo ai Comuni con il vincolo di usare queste somme per chi non ha soldi per fare la spesa e acquistare beni di prima necessità. Da questi nasceranno possibilità da parte dei comuni di fornire generi alimentari. Confidiamo quindi che già da inizio settimana prossima i sindaci siano nelle condizioni di erogare concretamente i buoni spesa per le persone bisognose. Non vogliano lasciare nessuno solo, abbandonato a se stesso. Siamo tutti sulla stessa barca, dobbiamo aiutare chi è in maggiore difficoltà. Deve nascere questa catena di solidarietà».

Schermata-2020-03-28-alle-19.53.27-325x164

Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri

Conte ha aggiunto ancora. «Nell’ordinanza ci sono misure rafforzate per favorire le donazioni, anche da parte di produttori, distributori. Non vogliamo tassare la solidarietà. Faccio un appello alla grande distribuzione: possono aggiunge 5-10 % di sconto a chi acquista con questi buoni spesa. Un’ultima cosa: stiamo lavorando intensamente perché i 25 miliardi del decreto “Cura Italia” arrivino subito nelle tasche di famiglie, imprese e cittadini. Sono 16 misure di differente tipologia, stiamo facendo di tutto perché i tempi ordinari della burocrazia siano non dico dimezzati ma persino azzerati. Su questo sono intransigente. Vogliamo mettere in condizione tutti che possono beneficiare di cassa integrazione ordinaria e in deroga. Vogliano siano formalizzati entro il 15 aprile, se possibile anche prima. Vale per cassa integrazione ordinaria e in deroga e per i bonus. Anche per i 600 euro di bonus previsti stiamo facendo di tutto perché già potendo prendere domanda dal primo aprile si possa ottenere subito la disponibilità di queste somme. La macchina statale richiede procedimenti complessi stiamo facendo l’impossibile per azzerarli». Il ministro dell’economia  Gualtieri ha detto che da domani la nuova misura per Comuni sarà operativa.

«Si rafforza la collaborazione tra Governo e Anci – dice il presidente dell’Anci Marche e coordinatore nazionale dei presidenti delle Anci regionali, Maurizio Mangialardi -. Il premier Conte e il ministro Gualtieri nel corso della conferenza stampa hanno annunciato di anticipare l’erogazione di 4,3 miliardi ai Comuni per dare ossigeno ai bilanci e stanzia ulteriori 400 milioni per gli aiuti alimentari alle famiglie in difficoltà che, attraverso l’Anci e i comuni saranno a disposizione dei cittadini. “Salutiamo molto positivamente che alla conferenza stampa sia stato chiesto di intervenire al presidente Decaro perchè il Governo ha chiesto aiuto ai Sindaci per assegnare le risorse assegnate alle famiglie che necessitano di tale sostegno. All’Anci spetta il ruolo di coordinare tale azione che deve essere giusta, incisiva e veloce. Siamo pronti a fare la nostra parte».

 

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X