facebook twitter rss

Sostegno a famiglie e imprese,
il Comune di Civitanova sospende
i pagamenti di Tari e imposte

EMERGENZA - Slittano al 30 giugno i pagamenti delle bollette di rifiuti, Tosap, pubblicità e imposta di soggiorno. Bloccati anche accertamenti e piani di rateizzazione
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
380 Condivisioni

Emergenza Coronavirus, il comune di Civitanova sospende tutti i pagamenti, slitta tutto al 30 giugno. L’amministrazione comunale ha deciso di sospendere fino al 30 giugno 2020, senza applicazione di sanzione ed interessi, il pagamento di tutte le rate di versamento che vanno a scadenza nei mesi di marzo ed aprile, comprese quelle relative ai piani di rateizzazione in essere su avvisi di accertamento e avvisi bonari di entrate tributarie comunali, le cui rate saranno spostate in coda al termine dei rispettivi piani di rateizzazione. Di conseguenza slitteranno al 30 giugno 2020: il pagamento della prima rata Tari scadente il 31 marzo 2020, la seconda rata relativa all’imposta di pubblicità con scadenza 31 marzo e la prima rata della Tosap scadente il 30 aprile. L’amministrazione comunale fino al 30 giugno 2020 sospenderà, inoltre, anche tutte le attività di controllo e di accertamento. Viene anche sospesa fino al 30 giugno 2020 l’imposta di soggiorno. In accordo con Atac, la giunta ha stabilito da subito, per tutte le utenze, la possibilità di posticipare al mese successivo il pagamento delle bollette di prossima fatturazione con scadenza 15 aprile, 15 maggio e 15 giugno e previsto per gli asili nido il rimborso dei giorni di non frequenza a causa della chiusura delle strutture imposta dal decreto. «Siamo consapevoli che queste soluzioni di sospensione e di slittamento dei tributi comunali non risolveranno i problemi economici e finanziari dei cittadini – ha detto l’assessore Roberta Belletti –  delle imprese e dei professionisti, ma crediamo che queste sospensioni nell’immediato possano dare un po’ di respiro alle famiglie e alle imprese in difficoltà, in seguito al blocco totale delle attività. L’amministrazione, nel frattempo, per quanto di sua competenza, sta valutando le possibili azioni da intraprendere per far fronte all’emergenza economica e finanziaria oltre che sanitaria e sociale».

Articoli correlati




Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X