facebook twitter rss

Le macerie finiscono nell’Isee,
terremotati fuori dalle agevolazioni

SISMA - Tranne che per Imu e Tasi le case danneggiate, inutilizzabili o già demolite concorrono comunque al calcolo del reddito. Una beffa enorme per le famiglie che hanno perso il tetto con il terremoto del 2016. A rischio anche il reddito di cittadinanza
mercoledì 28 Novembre 2018 - Ore 12:27 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

391 Condivisioni

Castelsantangelo sul Nera

 

di Federica Nardi

Hai una casa demolita dopo il sisma? Finirà comunque nell’Isee. E rischi di avere un reddito troppo alto per accedere alle agevolazioni. Compreso, in futuro, il reddito di cittadinanza. Nuova beffa per i terremotati che hanno perso la casa. Ma non per il calcolo del reddito. Escluse infatti l’Imu e la Tasi (che non si pagano sulla base dell’ordinanza sindacale di inagibilità), per le altre agevolazioni concorre alla determinazione del reddito l’intero valore catastale della casa inagibile, anche se sono rimaste solo macerie.

Insomma, una famiglia con reddito basso (sotto i 20mila euro annui) e l’abitazione di proprietà – inagibile e quindi non produttrice di reddito -, con una rendita catastale media di 800 o mille euro, si troverà con un Isee di oltre 35mila euro. Questo vuol dire nessuna agevolazione per le tasse universitarie fuori regione (gli atenei marchigiani invece hanno previsto agevolazioni per gli studenti terremotati), niente agevolazioni per l’accesso ai servizi comunali, per l’esenzione dal ticket sanitario, i libri per la scuola, le prestazioni sanitarie a domicilio, i bonus famiglia o bebé, gli sconti sul canone Rai e così via. Inoltre i terremotati che hanno cambiato residenza rischiano di vedersi pesare ancora di più la casa inagibile, che figurerebbe come seconda casa. Le quattro regioni del terremoto del 2016 (Marche, Umbria, Abruzzo e Lazio) hanno avuto oltre 100mila immobili dannegiati e oltre 35mila persona evacuate di cui la maggior parte proprietarie delle case diventate inagibili. Il problema riguarda anche i terremotati di Ischia. Il coordinamento dei comitati “Terremoto centro Italia”, dopo l’anticipazione data sul tema dal Corriere della Sera, ha lanciato un monito: «Terremotati anche fuori dall’Isee, ma quanto la volete tirare questa corda?».

Il problema non è stato mai considerato (ad esempio del decreto Genova, che conteneva anche norme per il sisma del Centro Italia e per quello di Ischia). In questo momento il percorso normativo più veloce potrebbe essere un emendamento al decreto fiscale o alla legge di bilancio. Oppure ricondurre la questione a un ordinanza di Protezione civile con successiva circolare del direttore dell’agenzia delle entrate per l’applicazione. Altra ipotesi: inserire nella modulistica dell’Isee, alla voce fabbricati, un campo dove segnalare la calamità che ha colpito la casa e l’ordinanza sindacale di inagibilità. In modo da non calcolare ai fini del reddito immobili distrutti o inutilizzabili perché danneggiati.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X