«Con le Sae “in affitto”
una nuova spinta
alla microeconomia del cratere»

SISMA - Il capogruppo della Lega in Regione plaude all’allargamento dei criteri di assegnazione in funzione della lotta allo spopolamento

- caricamento letture

RENZO-MARINELLI-CAPOGRUPPO-LEGA-MARCHE

Renzo Marinelli

«Bene l’estensione dei criteri di assegnazione delle Sae libere a titolo oneroso deliberata dalla giunta regionale che ha recepito le istanze dei Comuni terremotati. Una misura a corredo della ricostruzione del tessuto socio-economico che si inserisce a pieno titolo nel percorso progettuale per fronteggiare la grave crisi da spopolamento e ridare speranza nel futuro all’entroterra terremotato».

Il capogruppo della Lega Renzo Marinelli che, da sindaco di Castelraimondo ha gestito l’emergenza nel 1997 e nel 2016, plaude all’allargamento dei criteri di assegnazione delle Sae libere per il rientro a casa degli occupanti.

«Permettere ad alcune specifiche categorie di usufruire delle Sae che si sono liberate significa non solo favorire nuova residenzialità, ma anche contribuire a mantenere i servizi – spiega Marinelli – Assegnare gli alloggi prioritariamente a medici di base, componenti delle forze dell’ordine, insegnanti, farmacisti, dipendenti pubblici assunti per attività connesse agli eventi sismici del 2016 o a progetti Pnc-Pnrr è ossigeno per la micro economia e la socialità del territorio così come è per favorire la residenzialità di nuclei familiari di nuova costituzione o singoli che vogliano vivere in un territorio tra i più belli d’Italia”.

 

Marinelli ricorda che l’assegnazione a titolo oneroso delle Sae prevede un canone decurtato del 30% rispetto a quello stabilito per l’assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica, canone che servirà ai Comuni per le spese di gestione e manutenzione delle strutture.

«Il progetto Sae dimostra come condivisione e ascolto siano gli strumenti primari di intervento della Regione che sta investendo molto per rilanciare in maniera armonica le Marche nel loro complesso – conclude Marinelli – Il terremoto ha segnato le pietre, ma non lo spirito dell’entroterra montano e di questo stiamo tenendo conto puntando a soluzioni, anche temporanee, che ci consentono di traghettare verso il compimento questa inesauribile voglia di rinascita»

Sae a pagamento, ampliati i criteri «La priorità è favorire il ripopolamento»

 

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X