Impianto digestione anaerobica,
il Cosmari lo farà ma senza i fondi Pnrr
Energia, una soluzione dai pannolini

TOLENTINO - Riunione dell'Assemblea dei comuni soci. Dopo la vicenda Anac, Giuseppe Giampaoli, come vice presidente, guiderà il cda. Ha presentato le strategie di sviluppo, a breve sarà inaugurato il nuovo impianto per la selezione dei rifiuti, ricostruito dopo l'incendio del 2015 e sarà il più moderno delle Marche. Allo studio soluzioni alternative per produrre energia
- caricamento letture
Pellei-Cosmari-1-650x488

Il vice presidente Giuseppe Giampaoli con la direttrice generale Brigitte Pellei

 

Il nuovo impianto di digestione anaerobica del Cosmari sarà realizzato con un investimento ridimensionato perché non sarà finanziato con i fondi del Pnrr, inoltre vista la crisi economica sono allo studio diverse soluzioni come produrre compost con i pannolini. L’azienda inoltre sta per inaugurare il nuovo impianto per la selezione dei rifiuti. È quanto emerso nel corso dell’assemblea di Comuni soci del Cosmari, che si è svolta oggi. Sul tavolo la questione della delibera dell’Anac che aveva portato alla rinuncia dell’ex sindaco di Tolentino, Giuseppe Pezzanesi. L’assemblea ha approvato il documento proposto con la maggioranza dei voti favorevoli e le astensioni dei comuni di Monte San Giusto, Montecassiano e Porto Recanati che prevede di continuare nella governance attuale, confermando le cariche attribuite all’interno del Cda, in attesa della prossima udienza che sarà il 4 aprile 2023. La presidenza viene affidata, come da statuto, al vicepresidente e il Cda rimarrà composto, in totale, da quattro membri: Giuseppe Giampaoli, vice presidente facente funzioni, Elena Sacchi, Silvia Sbriccoli e Manuele Pierantoni. 

Consmari_Raccolta_I sindaci hanno chiesto al cda di elaborare un documento programmatico che vada a rilanciare le attività generali e i servizi del Cosmari. Il vicepresidente Giampaoli, a nome del cda, ha illustrato una relazione che è stata elaborata in stretta sinergia con il direttore generale Brigitte Pellei. Tra i punti il più rilevante è sicuramente la realizzazione dell’impianto di digestione anaerobica con la produzione di biometano attivando la possibilità offerta dal partenariato pubblico – privato. Il progetto, che non sarà finanziato dal Pnrr «a causa dei discutibili criteri di valutazione dei progetti – dice l’azienda -, sarà ridimensionato nella cifra investita, per un importo complessivo ipotizzato tra i 25 e i 28 milioni di euro, mediante lo stralcio di interventi non direttamente connessi alla realizzazione dell’impianto, che saranno rinviati a data successiva con la spesa coperta mediante i normali canali di finanziamento della società. Su questo tema è stata avviata una consultazione con la locale azienda Assm di Tolentino per l’utilizzo del metano prodotto».

A breve sarà inaugurato il nuovo impianto per la selezione dei rifiuti, annuncia il Cosmari, ricostruito dopo l’incendio del 2015: «Sarà il più moderno realizzato nelle Marche. Parallelamente si sta lavorando alla progettazione per il nuovo impianto Tmb per il trattamento meccanico biologico, anche questo danneggiato da un incendio. A seguito del costo dell’energia e dello scarso utilizzo delle materie prime seconde si sta rivalutando la possibilità di realizzare un impianto per il recupero di pannolini, pannoloni e assorbenti igienici. Si sta valutando di recuperare i materiali attraverso l’impianto di compostaggio con la conseguente produzione di compost. Si conta di poter realizzare l’impianto di trattamento e recupero della spazzatura». L’azienda reputa positiva la sperimentazione della tariffa puntuale e dell’utilizzo degli EcoPoint «che sarà ampliata ad altri comuni così come l’utilizzo degli ispettori ambientali. Istituita una apposita Commissione per lavorare a stretto contatto con i Comuni per la revisione e l’adeguamento dei regolamenti comunali anche tenendo conto della nuova normativa». Il Cda del Cosmari vuole poi continuare l’ammodernamento della società sia in termini di strutture, attrezzature e mezzi che di assetto del personale, lavorando alle dotazioni organiche e assumendo nuove figure professionali.

 

«Il biodigestore del Cosmari? Non serve Sarebbero 40 milioni sprecati»

Pnrr, il Cosmari a caccia di fondi: presentata domanda per 78 milioni Serviranno per biodigestore e green point

Nessun organismo si fa sentire sulle “meraviglie” ai vertici del Cosmari E ora c’è la partita del biodigestore

«Termovalorizzatore e nuovo biodigestore ma per la nuova discarica Parcaroli dovrà rimboccarsi le maniche»

«I mega biodigestori vanno fermati,le Marche non sono la pattumiera d’Italia»

Progetto da oltre 20 milioni per il nuovo digestore anaerobico

Cosmari, il funzionario archivia la sanzione: «I sindaci erano in buonafede per la nomina di Pezzanesi»

Cosmari, passa la linea dura: ricorso al Tar contro l’Anticorruzione per difendere la nomina di Pezzanesi

 

Cosmari, i sindacati all’attacco «Pezzanesi faccia i nomi dei dipendenti scorretti»

Cosmari, Pezzanesi lascia l’incarico: «Nessun sindaco si è fatto sentire» Cda e assemblea indecisi sul ricorso

«Pezzanesi controllato e controllore, deve dimettersi dal Cosmari Sanzioni a chi gli ha dato l’incarico»

«Pezzanesi non poteva essere presidente» L’Anticorruzione si “abbatte” sul Cosmari

Cosmari, nuovo direttore: la spunta Brigitte Pellei Ora palla all’assemblea dei soci

Presidenza Cosmari, l’Anac indaga Procedimento sul ruolo di Pezzanesi: «Fa pensare accada vicino alle elezioni»

Il Cosmari pubblichi l’ok dell’Anac I ruoli di Giampaoli in una fornitura: la propone, l’approva e presiede la gara

«Cosmari, ok dell’Anac sulle cariche Senza l’accordo con Cingoli i costi sarebbero triplicati»

Nessun organismo si fa sentire sulle “meraviglie” ai vertici del Cosmari E ora c’è la partita del biodigestore

Appalti-spezzatino al Cosmari, rinviato a giudizio Giampaoli «Affidamenti per favorire delle imprese»

Ingegnere e con leadership: l’identikit del nuovo direttore Cosmari Via libera al bando bis

Cosmari, Giampaoli confermato direttore ma senza prendere lo stipendio

Il regno di Giampaoli “commissariato” Lettera al vetriolo dell’avvocato Attili dopo l’addio al cda del Cosmari

Macerie a peso d’oro nelle Marche: paghiamo di più delle altre regioni



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X